Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Regione. Siragusa è il nuovo capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars

Salvatore Siragusa, parlamentare ARS Movimento 5 Stelle

Il Movimento 5 Stelle ogni sei mesi cambia il capogruppo all’Assemblea regionale siciliana. Fino a settembre Salvatore Siragusa guiderà i 14 deputati a Palazzo dei Normanni. Il parlamentare di Bagheria succede alla messinese  Valentina Zafarana. Vice capogruppo diventa  Giorgio Ciaccio, che guiderà il gruppo a partire da settembre.

“Certo tutto è perfettibile  – dice Siragusa – e faremo di tutto per migliorare. Sicuramente possiamo ritenerci soddisfatti del lavoro portato avanti finora, specie se si considera che all’Assemblea regionale siciliana operiamo nel difficilissimo ruolo di vera opposizione, cosa che espone i nostri atti al fuoco di fila praticamente di tutti i partiti. Noi, però, andiamo avanti, votando soltanto le cose che vanno in direzione del bene comune e non del nostro tornaconto personale”.

Siragusa, classe 1967 nato a Torino ed è perito  in Elettronica industriale e tecnico informatico spiega che: “cose che abbiamo fatto ce ne sono tante altre. Penso ad esempio al varo del microcredito con le somme che restituiamo mensilmente e che ha permesso di finanziare già le prime imprese, o al nuovo progetto Polmoni Urbani, che mira alla rivitalizzazione e valorizzazione dei centri storici. O ancora al sito anticorruzione che sta cominciando a dare i primi frutti. Continua Siragusa – mi piace pensare, però che pur in un momento di estrema difficoltà per la nostra isola, a causa dell’inettitudine di un governo che mostra i propri limiti in tutti i settori, dall’economia all’ambiente, dai problemi perennemente irrisolti di rifiuti ed acqua, alle recenti tragedie nella sanità, le cose fatte siano poche rispetto a quelle che contiamo di fare. I progetti in cantiere sono tanti e la determinazione enorme. Abbiamo dimostrato con i fatti che siamo proposta e non solo protesta, anche se, ad onor del vero, col governo che ci ritroviamo non protestare è veramente  una missione impossibile” – conclude Siragusa.