Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Regione. Scontro sulla gestione dei beni culturali

Tempio_agrigentoI beni culturali in Sicilia sono diventati terreno di scontro politico.
La settimana scorsa il ministro Dario Franceschini, durante una trasmissione RAI, ha detto che: “la Sicilia per me è una sofferenza e un imbarazzo“.
Il ministro PD ha criticato il modello di gestione dei beni culturali nell’isola e ha spiegato la totale autonomia del Governo Crocetta nel settore. Infatti, in base allo Statuto sull’Autonomia la Regione ha praticamente competenza assoluta sulla .
E se queste erano le dichiarazioni di un ministro dello stesso partito del presidente della Regione. Ancora più duri sono i toni dell’opposizione a Crocetta.
“Il disastro nel quale continua a permanere  il settore dei beni culturali siciliani è sotto gli occhi di tutti” – afferma  Nino  D’Asero  in  una  interrogazione firmata dall’intero gruppo Ncd all’Asssemblea regionale siciliana.
foto-nino_d'asero“Il Governo regionale – riprende il capogruppo Ncd – sembra assorto in una sola attività: quella di andare a mendicare anziché rivendicare diritti,  chiedendo soldi al governo nazionale per coprire  il  bilancio. Ma sino a oggi si assiste solo un peggioramento dei conti con l’esplosione dell’indebitamento di questa regione.
La verità è – prosegue D’Asero – che ci aspettavamo molto da questo terzo governo Crocetta e dall’avvento dell’assessore Antonino Purpura ma i risultati conseguiti non fanno altro che evidenziare assenza di programmazione,  approssimazione nella gestione, improvvisazione.
A quanto sopra si aggiungano le censure sulle politiche dei beni culturali che il Governo regionale ha  ricevuto dalla Corte Costituzionale e dallo stesso  ministro Franceschini.
A questo punto – chiude D’Asero – non si comprende come l’assessore non tragga le dovute conseguenze e lasci ad altri,  più competenti,  il  ruolo guida di questa realtà economica che, se ripensata, può certamente rivelarsi la cornucopia per l’economia siciliana”.

Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.