Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Regione. Rifondazione comunista chiede le dimissioni di Montante

antonello_montante_confindustria
Antonello Montante, delegato di Confindustria per la legalità

Da qualche giorno le inchieste delle procure di Catania e di Caltanissetta su Antonello Montante, delegato di Confindustria per la legalità, hanno dato un profondo scossone alla politica siciliana.

L’indagine “per vicinanza alla mafia e di sospette aggiudicazioni di appalti, – dichiara Mimmo Cosentino segretario regionale Rifondazione comunista Sicilia – riverbera una luce sinistra sulle scelte compiute dal governo siciliano”.

Nell’analisi del segretario Cosentino la candidatura di Rosario Crocetta è stata avanzata dai vertici di Confindustria Sicilia, Cisl e Udc.

Il presidente della Regione siciliana, sempre secondo Cosentino, avrebbe esercitato il ruolo di esecutore degli ordini confindustriali, “soprattutto nella gestione dei rifiuti e nel settore energetico, cosa più volte denunciata dal giudice Nicolò Marino”. Ex assessore ai Rifiuti, all’Acqua e all’Energia della Giunta Crocetta che ha più volte criticato i vertici di Confindustria.

“Ma non solo – continua Cosentino. Con tutto quel che ne è conseguito per gli interessi privatistici garantiti a imprese e comitati d’affari, ivi compresi quelli di alcuni ambienti legati alla criminalità mafiosa”.

Secondo Rifondazione comunista è “necessario che Montante lasci gli incarichi pubblici che riveste, in primis nell’Agenzia beni confiscati, o che gli vengano revocati, pena il dubbio di complicità politiche a più alti livelli. Che il lavoro della magistratura faccia piena chiarezza sulla vera natura delle relazioni tra Montante, Confindustria Sicilia e il governo della falsa rivoluzione crocettiana” – chiude Cosentino.

Armando Montalto

Tra la metà dei Novanta e i primi Duemila ha cambiato città, paese e occupazione con la rapidità di un colibrì. Insomma, questo quarantenne messinese, dopo aver fatto consegne a Canal Street, parlato in nome della UE, letto Saramago, tirato sassi sul Canal Saint Martin e bevuto fiumi di birra ha deciso. Tornare a casa, mettere su famiglia e la testa a posto. Oggi si divide tra libri, mare e famiglia. Intanto, prova a scrivere e a raccontare Messina.