Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Regione. Matteo Salvini a Palermo, colazione con cannoli e attacchi a Renzi

Matteo Salvini ha passato la domenica a Palermo.  Un incontro per riunire i suoi simpatizzanti delle province della Sicilia Occidentale, come recita l’invito.

Nell’isola il movimento che sostiene il leader leghista, Noi con Salvini, è coordinato da Angelo Attaguile, deputato eletto con l’MPA e iscritto al gruppo della Lega Nord.

All’hotel Le Palme di Palermo Salvini ha fatto colazione con i cannoli e non ha mancato di postare una foto su twitter. Nel pomeriggio è intervenuto in televisione in un programma della Rai. E poi ha incontrato i suoi sostenitori.

Salvini ha parlato di riscatto per la Sicilia, ha elogiato i siciliani e dice di aver attaccato sempre e solo la cattiva politica. La sala è gremita e Salvini  continua con l’attacco alla classe politica regionale, agli sprechi, non manca di citare la burocrazia siciliana e le mille risorse mai sfruttate. Poi l’attacco frontale al presidente del Consiglio dei ministri.

“Renzi è il peggior centralista dal ventennio ad oggi. Sta cercando di riportare nelle mani dello Stato tutto. Dopo il ventennio c’è Renzi. Mi spiace che Berlusconi l’abbia aiutato in questi mesi. Nella riforma della Costituzione così come proposta da Renzi, lo Stato ha l’ultima parola su tutto. Qualunque scelta del Comune, Regione, Comitati locali, se lo Stato dice no è no – chiude Salvini – è una ben strana interpretazione della democrazia”. Insomma, la Lega Nord ha definitivamente cambiato pelle e si prepara a diventare un partito nazionale.

 

Armando Montalto

Tra la metà dei Novanta e i primi Duemila ha cambiato città, paese e occupazione con la rapidità di un colibrì. Insomma, questo quarantenne messinese, dopo aver fatto consegne a Canal Street, parlato in nome della UE, letto Saramago, tirato sassi sul Canal Saint Martin e bevuto fiumi di birra ha deciso. Tornare a casa, mettere su famiglia e la testa a posto. Oggi si divide tra libri, mare e famiglia. Intanto, prova a scrivere e a raccontare Messina.