#Regione. Marziano, il PD partito aperto, ma niente mutazioni genetiche

Bruno MArziano“Il PD è nato come un partito aperto, e tale deve rimanere. Ma è stato anche  fondato sui valori del Centrosinistra” – così il  regionale del PD Bruno Marziano sulle adesioni al Partito democratico di membri del centodestra.

La dichiarazione di Marziano si innesta nella polemica sulla natura del PD siciliano, infatti, negli ultimi mesi c’è stata un’ondata di adesioni di soggetti provenienti da schieramenti politici del Centrodestra. E se si paventa una fuga dal PD di membri dell’area Civati, Marziano invita “gli uomini della

sinistra diffusa, a coloro che condividono il sistema di valori della sinistra italiana moderna e innovatrice: aderite al PD per contribuire all’arricchimento della componente di sinistra, senza la quale il partito, nato come forza di Centrosinistra, subirebbe una deriva centrista”.

“Il PD è un partito che si apre agli altri, – dice Bruno Marziano, presidente all’Assemblea regionale siciliana della terza Agricoltura e Attività produttive – ma questo non deve determinare una mutazione genetica in grado di modificare profondamente il sistema di valori e le sue ragioni fondative. La risposta a questi nuovi ingressi, però, non è certo lasciare il partito perché  questa sarebbe solo una risposta sterile” – conclude Marziano.


mm

Armando Montalto

Tra la metà dei Novanta e i primi Duemila ha cambiato città, paese e occupazione con la rapidità di un colibrì. Insomma, questo quarantenne messinese, dopo aver fatto consegne a Canal Street, parlato in nome della UE, letto Saramago, tirato sassi sul Canal Saint Martin e bevuto fiumi di birra ha deciso. Tornare a casa, mettere su famiglia e la testa a posto. Oggi si divide tra libri, mare e famiglia. Intanto, prova a scrivere e a raccontare Messina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.