Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Ragusa. Prostituzione, scoperta l’ennesima casa d’appuntamenti

Polizia Ragusa_prostituzioneLa Polizia ha scoperto a Ragusa in via Meli, proprio a fianco della chiesa dei Cappuccini, l’ennesima casa d’appuntamenti. Salgono a dieci quelle individuate dalla Squadra Mobile nel corso dell’anno. L’ultima era stata scoperta grazie alla denuncia delle fedeli dell‘Ecce Homo. Questa volta, invece, sono state le fedeli della parrocchia di San Francesco a segnalare alla Polizia che: “mentre andiamo in chiesa notiamo che c’è un via vai di uomini; ci sono facce poco raccomandabili, per favore intervenite anche qui“.

La Squadra Mobiledopo una prima attività di osservazione durata alcune ore ha effettuato un intervento. E così, all’interno della struttura scoprono due prostitute, una cubana e una colombiana entrambe regolari sul territorio nazionale.

Polizia Ragusa cappello poliziotto e frusta“La casa era stata data in affitto a una donna sudamericana che poi a

sua volta l’aveva data in locazione ad altre connazionali – spiegano dalla Squadra MobileIl proprietario è stato già diffidato per un’altra abitazione e si è giustificato dicendo che lui non ha competenza per capire se si tratta di prostitute. Adesso sono in corso accertamenti sulla sua posizione per un’eventuale denuncia e sequestro dell’immobile”.

Anche in questo caso si trovano conferme sul giro d’affari che è di rilevante entità, tutto dipende dalle richieste dei clienti, i prezzi oscillano da 50 a 200 euro, dipende dai gusti e dalle richieste sessuali, a volte possono arrivare a prezzi ancora più alti, come per il sesso di gruppo.

Proprio i gusti di alcuni clienti hanno portato le prostitute a munirsi di fruste e cappello della polizia americana. Le donne hanno riferito che i travestimenti sono sempre più richiesti, così come i rapporti sadomaso.

La Squadra Mobile, per ordine del Questore di Ragusa Giuseppe Gammino, sta effettuando diverse verifiche sugli immobili segnalati dai cittadini, al fine di riconsegnare la zona agli onesti residenti.