Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Ragusa. Omicidio Loris, interrogato per 5 ore il nonno Andrea Stival

Andrea Stival
Andrea Stival

Cinque ore di interrogatorio per Andrea Stival, il nonno del piccolo Loris, ucciso a Santa Croce Camerina il 29 novembre 2014.

L’uomo è accusato dalla nuora Veronica Panarello, detenuta in carcere a Catania per l’omicidio del figlio, di avere ucciso il piccolo.

Dopo le dichiarazioni della donna, Andrea Stival è indagato per concorso in omicidio e occultamento di cadavere. Veronica Panarello sostiene che il suocero ha ucciso Loris perché non velava che rivelasse la relazione tra i due, scoperta una sera (stando alla versione più recente fornita dalla donna) quando i due avrebbero avuto un rapporto sessuale in cucina.

Relazione che Stival, iscritto nel registro degli indagati come atto dovuto dopo le accuse della mamma del bambino, ha sempre negato, così come l’omicidio del nipotino. L’uomo è stato interrogato dal sostituto procuratore Marco Rota, alla presenza del proprio legale, l’avvocato Francesco Biazzo. La Procura ascolterà anche la compagna di Andrea Stival come persona informata sui fatti

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.