Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Ragusa. Non versava le imposte dei clienti, arrestata commercialista 45enne

I finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, disposta dal GIP presso il Tribunale di Ragusa, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di una commercialista, V.P., di anni 45, titolare di uno studio professionale a Ragusa. L’arresto è scattato a seguito delle accurate indagini svolte dagli uomini del Nucleo Polizia Tributaria Guardia di Finanza di Ragusa e della Sezione di P.G. presso la locale Procura della Repubblica. I reati contestati all’infedele commercialista vanno dall’appropriazione indebita, alla truffa aggravata e all’esercizio abusivo della professione.

Le indagini sono state avviate a seguito della denuncia di molteplici imprenditori che hanno segnalato il pagamento di sanzioni e imposte già a suo tempo corrisposte alla professionista per il versamento all’Erario. Le attività investigative della Guardia di Finanza si sono sostanziate in approfonditi controlli, anche con lo strumento delle indagini finanziarie, all’esito delle quali è stato accertato che la stessa, in un arco temporale compreso tra il 2011 e il 2015, ha presentato oltre 500 modelli F/24 irregolari per un ammontare complessivo di 255.000 euro di inesistenti crediti d’imposta, appropriandosene.

I controlli dell’Agenzia delle Entrate sono stati elusi tramite la presentazione telematica di modelli F/24 con esposizione di fittizi crediti d’imposta che compensavano i debiti dei malcapitati contribuenti. Sebbene nel 2016 la commercialista fosse stata sospesa dall’Ordine Professionale per sanzioni disciplinari, ha continuato comunque a esercitare abusivamente la professione di consulente fiscale e tributario. Ignara delle indagini la professionista, che ormai da tempo si era trasferita in Germania, tornata in Italia per una visita a dei parenti è rimasta sorpresa alla vista delle Fiamme Gialle che le hanno notificato il provvedimento restrittivo. Alla commercialista sono stati ritirati i documenti di riconoscimento validi per l’espatrio fino alla comparizione avanti al giudice.