#Ragusa. Furti in abitazione durante le vacanze, i consigli della Polizia

Polizia_ladriDurante le vacanze estive le case, lasciate incustodite, diventano più facilmente obiettivo di ladri di appartamento. Il rischio di tornare dalle vacanze e trovare amare sorprese è sempre alto.

La Questura di Ragusa, che proprio in questo periodo intensifica i controlli finalizzati alla dei reati predatori, ha fornito alcuni consigli per evitare spiacevoli sorprese al rientro dalle ferie.

Ma ricordano dalla Polizia che  spesso il lavoro dei ladri è agevolato dalla disattenzione o dalla mancata adozione di accorgimenti, anche semplici, ma a volte decisivi per la riduzione del rischio di diventare vittime di un furto.

I cosiddetti sistemi di sicurezza passiva, porta blindata e chiave a mappa europea, possono scoraggiare i ladri meno professionali. Per chi abita ai piani bassi possono esser utili delle inferriate in acciaio. Ma anche un sistema di allarme è consigliabile, per chi può, alcuni anche abbastanza economici, con la possibilità di segnalare direttamente al proprio telefono cellulare il segnale di allarme.

Filiberto Fracchiolla
Il Commissario Capo della Polizia di Stato Filiberto Fracchiolla

Ci sono poi le norme di comportamento nella nota del commissario capo Filiberto Fracchiolla della Questura di Ragusa.

Si consiglia così di non tenere, soprattutto nelle ore notturne, finestre e tapparelle spalancate, soprattutto se l’appartamento è facilmente raggiungibile dal piano stradale o dal tetto e non aprire mai a persone sconosciute o che non sono a vista.
Non farsi abbordare per strada da persone che si fingono conoscenti,

parenti, amici di familiari o semplicemente persone che vogliono aiutare ad esempio a portare la spesa a casa e non portate sconosciuti in casa.

E poi ci sono una sfilza di consigli sulle informazioni da non divulgare come la composizione del nucleo familiare, quali valori si custodiscono in casa.

Inoltre si suggerisce di non tenete in casa grosse somme di denaro o gioielli di particolare valore e in ogni caso utilizzare una cassaforte e comunque non nascondere i valori nei soliti posti sempre visitati dai ladri: cassetti, armadi, dietro i quadri, tra i libri o dentro vasi.

Sarebbe importante fotografare i preziosi, infatti, le immagini saranno utili in caso di furto, sia in fase di denuncia per la descrizione, sia in caso di ritrovamento per rivendicarne la proprietà.

I consigli continuano sui comportamenti da tenere in caso di assenza da casa. Oltre ai classici consigli sulla
chiusura a chiave di porta di ingresso, di abbassare le tapparelle e chiudere le finestre. Bisogna utilizzare i nuovi accorgimenti. Infatti, è preferibile evitare di pubblicizzare la propria assenza sui social network e non creare risposte automatiche sulla email che segnalino una lunga assenza.

La Polizia ricorda che chiedere a una persona fidata di liberare la cassetta della posta può sviare eventuali malintenzionati. Inoltre, una luce accesa in casa, così come una radio o un televisore acceso possono spaventare i ladri.

“Se al rientro si trova la porta aperta non bisogna entrare mai – spiegano dalla Questura di Ragusa – ma chiamare immediatamente la Polizia e fare entrare gli agenti per primi, come non si deve farsi prendere dal desiderio di sorprendere i ladri da soli o di verificare subito cosa sia successo, infatti, un ladro sorpreso e messo alle strette potrebbe diventare aggressivo”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.