Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Ragusa. Controlli antidroga nelle scuole grazie alle segnalazioni dei genitori

Parole di genitori preoccupati per i figli che si drogano nelle scuole, richieste di aiuto per affrontare situazioni difficili, al numero di telefono dedicato 43022 della questura di Ragusa si rivolgono in tanti.  “Vi prego salvate mio figlio, ho capito che fuma spinelli e sono molto preoccupato”, ma anche: “trovatela con la droga, forse solo così mia figlia smetterà, cercate lo spacciatore che la sta rovinando“.  Sono segnali di allarme che si aggiungono a quelli di studenti spaventati dalla crescente diffusione degli stupefacenti tra i banchi.

La  Questura non ha perso tempo e dopo le segnalazioni gli investigatori della Squadra mobile hanno avviato indagini per verificare l’autenticità delle segnalazioni anonime.

Gli uomini delle Volanti hanno svolto, d’intesa con la dirigenza ed il corpo docente dell’istituto, una serie di incontri informativi. In un breve incontro con gli studenti gli agenti hanno spiegato gli effetti e i danni causati dall’uso delle sostanze stupefacenti nonché sulle gravissime conseguenze giuridiche in caso di detenzione ai fini di spaccio.

Poi poliziotti in borghese della Mobile e delle Volanti, con l’aiuto dei cani antidroga, hanno controllato gli istituti scolastici segnalati dagli sms.

Grazie alla collaborazione di docenti e dirigenti scolastici, gli agenti hanno effettuato controlli anche durante le lezioni. Un ragazzo, appena diciottenne, è stato trovato in possesso di alcuni grammi di hashish. Il giovane ha subito confessato di aver comprato la droga qualche giorno prima e di fare uso saltuario degli stupefacenti.

Nel cortile di un altro istituto i poliziotti hanno trovato una confezione di marijuana, probabilmente abbandonata da uno studente spaventato dai controlli.

Dalla Questura hanno commentato con un comunicato: “è molto importante che genitori, professori e studenti continuino a segnalare la presenza di droga nelle scuole, in modo da consentire agli specialisti della Polizia di intervenire per affrontare subito questi problemi, magari proprio sul nascere, prima che le difficoltà aumentino”.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.