Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Ragusa, 5 milioni di euro per migliorare i collegamenti con siti archeologici e architettonici

PALERMO. L’assessorato regionale dei Beni Culturali ha destinato 5 milioni di euro alla città di Ragusa per la riqualificazione delle strade di accesso alle masserie, ville rurali, torri e altri contesti di interesse architettonico tipici della campagna ragusana e che si trovano all’interno del proprio territorio comunale. “Si tratta di un importante finanziamento – dichiara l’assessore Alberto Samonà – che migliorerà la qualità dei collegamenti ai siti monumentali e archeologici della città di Ragusa in una prospettiva di assoluta integrazione con un contesto rurale che ancora oggi rappresenta un unicum a livello regionale per la tipicità dei muretti a secco e la peculiarità del contesto paesaggistico della campagna ragusana. Un impegno, quello della riqualificazione ambientale e paesaggistica soprattutto in prossimità dei beni archeologici e monumentali, verso il quale il Governo Regionale mostra grande attenzione e sensibilità e che sta interessando anche diversi centri storici dell’Isola”.

 

Il progetto, che sarà finanziato con risorse POC 2014-2020, rientra tra le attività per uno sviluppo urbano sostenibile previste dal PO FESR 2007/2013. Gli interventi che saranno effettuati riguardano in particolare il recupero, la riqualificazione e la ristrutturazione di percorsi, trazzere carrabili e sentieri pedonali che consentono l’accesso alle zone di massima valenza naturalistica e paesaggistica e ai contesti di particolare interesse della campagna ragusana, quali siti archeologici diffusi, ville rurali, masserie, latomie. Saranno rifatte le vie di accesso che conducono ad importanti siti monumentali con criteri che permettano l’integrazione con il contesto ambientale, inclusa l’illuminazione e la cartellonistica. Tra i luoghi interessati ai lavori le strade di accesso ai siti archeologici Riparo sotto roccia di contrada Fontananuova, Grotta delle Trabacche, Ipogeo Cisternazzi, Latomie Cava Gonfalone e Santa Maria delle Grazie.

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.