Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Quinto arresto per l’aggressione ai tifosi del Catanzaro

Michele Rustico

Quinto arresto per l’aggressione di mercoledì scorso ai tifosi del Catanzaro durante la partita di mercoledì scorso al San Filippo. A incriminare Michele Rustico, 35 anni, le riprese effettuate dalla Polizia Scientifica.

Nel video passato a setaccio per individuare tutti i responsabili dell’aggressione ai supporter della squadra calabrese che si è scatenata poco dopo l’inizio della partita ACR Messina-Catanzaro, si vede chiaramente Rustico che lanciava una bottiglia contro questi ultimi.

L’uomo è stato arrestato ieri dagli agenti della DIGOS e della Squadra Mobile, mentre si trovava nella propria abitazione. L’accusa è di lancio pericoloso di oggetti durante manifestazioni sportive.

Rustico è stato condotto nelle camere di sicurezza della Caserma Calipari in attesa del giudizio direttissimo che si terrà stamane.

Intanto il questore Carmelo Gugliotta, contestualmente agli arresti effettuati dopo gli scontri, ha immediatamente attivato

la procedura per l’emissione dei DASPO, il divieto di accedere alle manifestazioni sportive, che sono stati già notificati a tutti i cinque arrestati: oltre a Rustico anche Michele Alleruzzo, Simone Rapisarda, Giovanni Marra e  Antonio Foti.

Rapisarda, Marra e Foti sono già stati giudicati e visto che è stata loro inflitta una condanna inferiore ai tre anni sono già liberi. Diversa la posizione di Alleruzzo, che deve rispondere anche di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

In ogni caso, per i prossimi 4 anni nessuno di loro potrà accedere agli stadi italiani ed esteri dove si svolgono incontri di calcio ufficiali, oltre che nelle vie o le piazze che rientrano in un raggio di 500 metri da impianti sportivi nei giorni in cui si svolgono le manifestazioni sportive.

Dalla Questura assicurano che le indagini procedono senza sosta per identificare il resto del branco che ha assalito i tifosi della squadra avversaria, arrivati al San Filippo sotto scorta.