Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Primi tagli, chiudono i centri servizi di alcuni quartieri

Il commissario straordinario Luigi Croce

L’obiettivo è quello di tagliare il più possibile ed il commissario straordinario Croce ha iniziato dai Quartieri, razionalizzando i Centri Servizio delle sei Circoscrizioni cittadine.

Saranno chiuse le sedi con il più basso afflusso di utenti e con minori carichi di lavoro. In dettaglio, si chiuderanno i Centri Servizi di Bordonaro e Briga ed il personale sarà trasferito nella sede del Terzo Quartiere.

A chiudere anche quelli di Castanea (i lavoratori andranno negli uffici di Villa Lina della V Circoscrizione) e di Rodia, il cui personale andrà nella sede del IV Quartiere.

Rescisso il contratto di affitto del Centro Servizi della I Circoscrizione.

E’ stato poi approvato lo schema tipo di accordo bilaterale tra Istituzione scolastica e Comune per la presentazione dei piani di intervento per la riqualificazione degli edifici scolastici pubblici

in merito alla messa a norma degli impianti, all’abbattimento delle barriere architettoniche, alla dotazione di impianti sportivi ed al miglioramento degli spazi scolastici. Ventidue su 31 gli istituti che hanno presentato la domanda e che dovranno adesso sottoscrivere l’accordo per ottenere i finanziamenti.

Revocata in autotutela la delibera della Giunta municipale del 9 settembre 2009 per acquistare l’immobile da destinare al nuovo Palazzo di Giustizia, dopo la sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione siciliana.

Il commissario Croce ha poi determinato l’imposta di soggiorno per l’anno 2012, per ogni pernottamento fino ad un massimo di 5 notti, così come stabilito dal regolamento comunale. Per gli alberghi, motel e dipendenze alberghiere, l’imposta va da un minimo di un euro, per le strutture classificate con una stella, fino a un massimo di 4 euro, per le 5 stelle “L”. Previste anche imposte per i campeggi, affittacamere, villaggi turistici, rifugi alpini e montani, ostelli della gioventù, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast ed agriturismo, con imposta compresa tra 50 centesimi ed un massimo di tre euro.