Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Prime epurazioni nella Giunta Crocetta. Battiato parla troppo e va a casa e con lui Zichichi

Add an Image

Il presidente della Regione Rosario Crocetta

Le espressioni di ieri non sono perdonabili e dopo una giornata di attesa il presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta revoca l’incarico all’assessore al Turismo e allo Spettacolo Franco Battiato.

Ieri Battiato, durante il suo intervento al Parlamento europeo in veste di assessore per parlare di ‘Nuovi percorsi fra turismo e cultura in Sicilia’, aveva commentato la composizione del Parlamento italiano affermando: ”Queste troie che si trovano in Parlamento farebbero qualsiasi cosa. E’ una cosa inaccettabile, sarebbe meglio che aprissero un casino”.

La dichiarazione ha inevitabilmente creato sgomento e indignazione e il successivo passo indietro, tentato affermando che le dichiarazioni non si riferivano all’attuale compagine parlamentare ma a ‘passate esperienze politiche caratterizzate da una logica da mercimonio offensiva della dignità delle donne’, non è servito.

Immediata la reazione di Laura Boldrini, neo presidente della Camera dei Deputati, indignata da tali parole: “Stento a credere che un uomo di cultura come Franco Battiato, peraltro impegnato ora in un’esperienza di governo in una Regione importante come la Sicilia, possa aver pronunciato parole tanto volgari”.

Stamattina, dopo la bufera di attacchi e repliche, è arrivato il verdetto del presidente Crocetta, che ha inviato le scuse del Governo Siciliano definendosi addolorato per le affermazioni di ieri: ”Battiato ha fatto affermazioni gravi e inaccettabili”.

La fu Giunta Crocetta

“Quando si sta nelle istituzioni – ha detto Crocetta – si rispetta la dignità delle istituzioni medesime e, nel caso di Battiato sicuramente si è andati ben oltre e si è violato il principio della sacralità delle stesse. Siamo orgogliosi di appartenere al popolo italiano e di avere un Parlamento, l’espressione della sovranità del popolo e della partecipazione dei cittadini alla vita democratica.

Quando si offende il Parlamento, si offende tutto il popolo italiano e ciò non è consentito a nessun componente delle istituzioni. Mi dispiace veramente molto, sono addolorato.

Il Parlamento in questo momento è rappresentato da figure come Laura Boldrini e Piero Grasso, impegnati nel profondo per rinnovare il Paese e all’interno del Parlamento ci sono uomini e donne che cercano di trovare una soluzione in una fase drammatica della vita economica, politica e sociale”.

Revocato oggi anche l’incarico all’Assessore ai Beni culturali Antonino Zichichi. Poche e chiare le parole di spiegazione del presidente Crocetta: ”Di Zichichi non se ne poteva più, bisognava lavorare e invece lui parlava di raggi cosmici. Forse, sarebbe stato meglio utilizzarlo come esperto”.

E su facebook arriva il plauso del coordinatore dell’UDC in Sicilia Gianpiero D’Alia. “Sulla vicenda Battiato -scrive- il Presidente Rosario Crocetta è intervenuto in maniera accorta e dimostrando di avere a cuore il futuro della Sicilia che deve essere governata in maniera autorevole e con un impegno quotidiano. Ci attendono scadenze fondamentali per il destino della nostra Isola ed è quindi fondamentale che il governo regionale sia unito e la maggioranza che lo sostiene coesa”.

Valentina Guerrera

Siciliana trapiantata a Roma da un po’ di anni. Si occupa di comunicazione, in particolare ufficio stampa e digital pr, in ambito istituzionale e politico. La passione per la sua terra e per il buon cibo l'ha portata a creare, in società, "Agromobile - La mappa del gusto", un portale per scoprire la Sicilia attraverso le sue eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche. Divoratrice di libri, instancabile praticante di yoga e viaggiatrice quanto più possibile. Per Sicilians segue da Roma i politici locali.