Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Presentazioni e sottobicchieri

Cara Contessa Lara, quando devo fare le presentazioni tra due persone che non si conoscono non mi ricordo mai chi devo presentare per primo. E quando mi invitano ed entro in una stanza dove già ci sono altri ospiti secondo il galateo come mi devo regolare? Grazie per i suoi consigli, Maria Cristina G.

Gentile Maria Cristina, quando si devono presentare due persone che non si conoscono la regola generale del bon ton è di presentare la più giovane alla più anziana, la più importante dal punto di vista sociale o lavorativo alla meno importante e l’uomo alla donna. Come sempre però, ci sono delle eccezioni dettate dal buon senso. Tra un anziano professionista e una giovane donna magari appena laureata, sarà quest’ultima ad essere presentata e non viceversa.

La formula da usare, adattandola di volta in volta, è piuttosto semplice: “Antonio, ti presento la signorina Luisa De Carli” e rivolgendosi alla ragazza: “L’avvocato Marini”. Ovviamente, in un salotto o in una riunione tra amici i titoli professionali è bene che restino fuori dalla porta. Solo per le occasioni più formali è possibile usarli, anche perché c’è gente che se la si presenta solo con nome e cognome rischia il calo glicemico.

Per quanto concerne invece la sua seconda domanda, in linea di massima dovrebbe essere la padrona di casa a presentarla agli ospiti già presenti. Spesso però ci sono più arrivi contemporaneamente e le potrà capitare di essere affidata ad un’amica molto intima che provvederà a presentarla. Se così non fosse, entro sorridendo in salotto e saluti tutti guardandoli negli occhi e con una stretta di mano.

Gentile Contessa, ho letto che i sottobicchieri non si mettono a tavola. Ma allora a cosa servono? Grazie, Annalisa D.

Gentile Annalisa, le confermo che i sottobicchieri non si usano a tavola. Si utilizzano invece quando si offre un bicchiere d’acqua, un liquore o una bibita, così poi l’ospite potrà appoggiarli ovunque senza problemi. Possono essere d’argento, di vetro o anche di stoffa, purché sempre perfettamente puliti e lucidi e senza macchie sospette di utilizzi precedenti.

Per i vostri dubbi di galateo scrivete a: redazione.messina@sicilians.it

Contessa Lara

Contessa Lara è il nom de plume di una gentildonna messinese che non ama mettersi in mostra. Fedele agli insegnamenti della sua gioventù (le signore compaiono sui giornali solo tre volte: quando nascono, quando si sposano e quando muoiono) ha deciso di collaborare con noi, ma con discrezione. Ovviamente abbiamo accettato con gioia, sicuri che la sua competenza sarà un prezioso aiuto per chi già conosce le buone maniere e per chi invece ha ancora molta strada da percorrere sulle impervie vie del saper vivere.