Pranzo solidale, una Befana nel segno della condivisione a Barcellona Pozzo di Gotto

IMG 20200106 WA0246Il Club Lions International, la Fidapa e diverse altre associazioni di volontariato, con il patrocinio del comune, hanno mostrato il volto della solidarietà e regalato ai meno fortunati la possibilità di festeggiare la Befana davanti ad una tavola imbandita. In sordina, senza alcuna pubblicità che potesse recare possibili disagi agli “ospiti” le varie associazioni promotori dell’iniziativa, hanno rivolto la propria attenzione alle persone in difficoltà e hanno organizzato nella sala teatro delle Figlie di Maria Ausiliatrice, un pranzo solidale per le persone bisognose ma anche per quelle famiglie che hanno perso il e si ritrovano fuori dalle maglie dell’assistenza classica.

Il pranzo realizzato dai vari soci, hanno offerto un pasto completo alle persone in situazioni di difficoltà che quest`anno, a causa della crisi economica che sta attraversando la città del Longano, sono sempre più numerosi che in passato.

Sono state molte le persone, uomini donne e bambini, di età diverse presenti .

Un pranzo all’insegna della solidarietà, indispensabile oggi più che mai fare squadra e per dare una mano a chi vive condizioni di instabilità.

Alla fine del pranzo, i soci del Club volontari, hanno donato ai presenti i pacchi dono con panettoni, pasta, carne, pane.

Un’occasione per dare un ulteriore segnale di amore e speranza ai tanti troppi disoccupati,

disagiati, che popolano la nostra città, vere e proprie marginalità urbane sulle quali bisognerebbe fare molto di più. Tutti in campo per dare una mano a chi vive, ora più che mai, in forte difficoltà economica e sociale. Non solo pranzo ma anche iniziative che vedranno i soci delle associazioni impegnati in varie iniziative a favore del prossimo.


Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.