Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Pozzallo. Arrestato un libico al Porto

porto_di_pozzallo polizia ragusa sicilians_19_5_16Stava per imbarcarsi per Malta con un’auto rubata, ma la Polizia lo scopre. Abdulmalik Bashir Musa, 22enne cittadino libico residente in provincia di Milano, è stato così arrestato con l’accusa di ricettazione.

La Polizia durante un controllo straordinario del Porto di Pozzallo, in particolar modo dell’area dedicata alle partenze per Malta, ha notato il libico a bordo di una lussuosa autovettura con targa svizzera. “Il servizio di osservazione da parte della Squadra Mobile era finalizzato a confondersi tra i passeggeri in partenza per Malta così da poter verificare la presenza di persone sospette che stavano per imbarcarsi” – spiegano dalla Questura di Ragusa.

Dopo mezz’ora i poliziotti hanno notato una Land Rover con targa svizzera del valore commerciale di circa 140 euro ed effettuano un controllo. Musa, con regolare permesso di soggiorno italiano, spiega ai poliziotti

di aver percepito una somma di denaro solo per consegnare l’auto a degli acquirenti a Malta e quindi di aver solo trasportato il veicolo.

“L’immediata, quanto anomala, giustificazione del conducente ha dato inizio a controlli approfonditi sul veicolo. Polizia Stradale e Squadra Volanti hanno scandagliato l’auto da cima a fondo e la perquisizione ha dato esito negativo. Da un controllo della targa effettuato anche in ambito internazionale da parte dei poliziotti, è stato possibile appurare che l’auto fosse provento di furto e pertanto il conducente dovrà rispondere del reato di ricettazione- aggiungono dalla Questura di Ragusa.

L’uomo non ha saputo giustificare in alcun modo le modalità con le quali era entrato in possesso del veicolo rubato, pertanto, considerato il reato commesso gli agenti della Polizia hanno sottoposto il cittadino libico a fermo” .

Musa è stato condotto prima presso gli uffici della Squadra Mobile di Ragusa per la sua compiuta identificazione e successivamente in carcere su disposizione della Procura della Repubblica di Ragusa.