Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Politica. Proposta dei consiglieri sulle tariffe di attraversamento dello Stretto agevolate per i residenti

Foto Pippo Russo

MESSINA. Proposta dei consiglieri comunali Nello Pergolizzi, Alessandro Russo, Biagio Bonfiglio e Massimo Rizzo in merito alle tariffe di attraversamento dello Stretto agevolate per i residenti nella città peloritana.  “Premesso che lo Stretto – si legge nella proposta – è quotidianamente attraversato da un’ingente quantità di residenti messinesi pendolari che per motivi di lavoro, studio o mobilità generale si spostano da una sponda all’altra. Che l’area dello Stretto, storicamente accomunata da una rete di servizi e di attività d’interesse reciproco per le due sponde, richiede strumenti di mobilità che agevolino l’integrazione effettiva dei Comuni prospicienti il braccio di mare, favorendo lo spostamento dei cittadini ivi residenti e la facilità di interazione di attività e servizi di comune interesse. Che il prezzo del biglietto di attraversamento per il trasporto gommato risulta eccessivamente elevato per i cittadini residenti, soprattutto studenti e lavoratori in relazione alla necessità dei frequenti spostamenti che costoro devono effettuare da una sponda all’altra dello Stretto. Che a fronte dei disagi cui vanno incontro i nostri concittadini in termini di qualità della vita e di salute a causa dell’attraversamento dei mezzi gommati all’interno del comprensorio urbano, nessun ristoro è  riconosciuto loro”.

“Considerato che l’area delle tre città dello Stretto è accomunata da una forma di integrazione di reti e servizi che ne fanno una comunità di vocazione sempre più stretta, come anche il recente riconoscimento da parte del Ministero delle Infrastrutture della necessaria istituzione di una Autorità Portuale dello Stretto dimostra, puntando su un disegno di governance quanto più omogeneo possibile dal punto di vista delle funzioni e delle specializzazioni. Che una vera e propria “comunità dell’area dello Stretto” non può concretamente darsi se non si attivano strumenti di agevolazione della mobilità e dello scambio di persone e risorse tra le due sponde dello Stretto”.

“Tenuto conto che la necessità di interscambi tra le sponde fosse agevolata con previsioni tariffarie più accessibili per i residenti delle città dello Stretto fu per lungo tempo, nel recente passato, ritenuta meritevole di tutela ed attuata effettivamente salvo poi venire rimossa con grave nocumento per la comunità residente”.

“Ritenuto che alla luce delle considerazioni sopra esposte, risulta opportuno attivarsi in brevi tempi al fine di ottenere una riduzione delle tariffe del prezzo di attraversamento – sia gommato che pedonale – per i residenti di Messina, i quali ne hanno diritto  non solo per dovuta  continuità territoriale ma soprattutto per usufruire di un congruo ristoro a fronte dei  disagi patiti in termini di conseguenze sul piano dell’inquinamento, della salute pubblica e della sicurezza che quotidianamente l’attraversamento di mezzi gommati comporta loro”.

“Si impegna quindi il sindaco e l’amministrazione comunale a porre in essere tutte le opportune iniziative finalizzate a favorire una nuova politica tariffaria per l’attraversamento gommato leggero che preveda il pagamento agevolato ai residenti da almeno un anno a Messina e agevolare con l’introduzione di forme di abbonamenti ridotti e/o gratuiti l’attraversamento dei pendolari dello Stretto. Il sindaco e l’amministrazione comunale a porre in essere, per il tramite dei propri rappresentanti in seno agli organismi di gestione delle attività portuali della città, tutte le misure opportune e necessarie affinché in occasione dei futuri bandi di concessione di navigazione per l’attraversamento dello Stretto vengano espressamente previste clausole di salvaguardia tariffaria a favore della cittadinanza residente”.