Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Politica. Mozione di sfiducia: Crocetta vola a Roma, salta la seduta all’ARS

Crocetta in spiaggia 6-12-2015Gli impegni istituzionali, che  lo obbligano a essere domani a Roma per un incontro con il Capo dello Stato Sergio Mattarella, al quale parteciperà con i presidenti delle altre regioni, salvano Rosario Crocetta dalla mozione di sfiducia che domani l’ARS avrebbe dovuto discutere.

La mozione, la terza in tre anni (ma le altre due sono andate a vuoto) è stata firmata dai parlamentari del Movimento 5 Stelle, della Lista Musumeci e di Forza Italia.

Domani la conferenza dei capigruppo stabilirà la nuova data per discutere la mozione. Nella maggioranza c’è chi vorrebbe portarla in Aula già tra due giorni, ma il capogruppo di Forza Italia Marco Falcone dice di no. “Quanti deputati sarebbero in aula venerdì? -chiede. Meglio rinviare tutto a martedì prossimo”.

Occhi aperti comunque dal Movimento 5 Stelle, che è pronto “a stanare gli ipocriti di Palazzo dei Normanni, che a parole dicono peste e corna del governo e del presidente, ma al momento buono si tirano sempre indietro.

Se i deputati fossero un mimino conseguenti a quanto hanno detto nel passato più o meno recente -sottolineano i grillini- Crocetta potrebbe fare il bagnante o il turista in servizio permanente effettivo e non solo in occasione di assurdi e inqualificabili spot a favore della Sicilia.

Parecchie delle macroscopiche inefficienze di una Sicilia proiettata a folle velocità verso il baratro sono improvvisamente sparite sotto la valanga di poltrone, strapuntini e incarichi a gabinettisti e camerieri, regalati un po’ a tutti. Questo, insieme alla consapevolezza di gran parte dei deputati di poter tornare a palazzo dei Normanni solo come turisti nella prossima legislatura, non fa che rafforzare il partito del bostik”.

E non è tutto, perché i parlamentari 5 Stelle avvertono: “Chi boccerà la mozione o inscenerà squallidi giochetti per salvare il Governo sappia che d’ora in poi non potrà più parlare e che della sua azione in aula dovrà rendere conto ai siciliani. Noi siamo pronti a tutto per mandare a casa Crocetta“.

Per far decadere l’Assemblea di Palazzo dei Normanni servono 46 firme e i grillini ricordano che le loro 14 “sono ancora a disposizione nel caso servissero a raggiungere la quota necessaria” per mandare tutti a casa.

 

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.