Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Politica. Messina, stop al gioco d’azzardo: verifica a due mesi dall’ordinanza

MESSINA. Si è tenuto ieri nell’assessorato Ambiente e Nuovi Stili di Vita, un incontro per fare il punto della situazione sull’attuazione dell’ordinanza sindacale che ha limitato gli orari di apertura e chiusura delle sale gioco e il funzionamento degli apparecchi con vincita in denaro per contrastare il gioco d’azzardo e la ludopatia. Nel corso della riunione, alla quale hanno partecipato rappresentanti della Questura, della Polizia Municipale e del dipartimento Commercio, è stato evidenziato che nei due mesi di vigenza nel complesso, l’ordinanza sindacale è stata osservata e non si sono registrate violazioni, anche se saranno accertati meglio alcuni casi recentemente segnalati. L’assessore all’Ambiente e Nuovi Stili di Vita Daniele Ialacqua ha aggiornato i presenti sulle novità emerse in questi due mesi (tre ricorsi al TARS contro l’ordinanza sindacale, l’approvazione della delibera consiliare sul nuovo regolamento antimafia, i previsti interventi del governo nazionale) e ha evidenziato la necessità che la Regione Sicilia si doti di una propria legge sul gioco d’azzardo. In tal senso solleciterà nei prossimi giorni il governo regionale. Sono emerse infine la necessità di proseguire i controlli, soprattutto in questo periodo natalizio, e la possibilità di modificare alcuni punti dell’ordinanza, tenendo conto della diversa disciplina e dei differenziati controlli a cui sono soggetti sale da gioco, bar e tabacchini.