Politica. Barcellona PG, rinnovati gli incarichi agli esperti Cristelli, Calvo, Mercadante e Torre

Comune municipio Barcellona Palazzo LonganoMESSINA. L’amministrazione ha rinnovato l’incarico di esperto del sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto a Rosario Andrea Cristelli, Gionatan Calvo, Gaetano Mercadante e Giancarlo Torre. Le conferme riguardano le medesime attribuzioni degli incarichi precedenti. “Cristelli -spiegano da Palazzo Longano- continuerà a collaborare in di progettazione, riconoscimento, valorizzazione, fruizione e promozione del territorio e del suo patrimonio culturale, con particolare attenzione all’integrazione tra patrimonio artistico, architettonico e paesaggistico, per una maggiore diffusione di conoscenza e consapevolezza dell’identità locale e del valore del contemporaneo in chiave turistico-culturale, valorizzando anche l’offerta museale locale mediante programmazione
strategico-sostenibile, in relazione anche all’attività dell’Ufficio Europa di recente costituzione in questo Comune.
Calvo curerà le funzioni relative alle politiche di sviluppo infrastrutturale e di riqualificazione del territorio, nonché per la programmazione ed elaborazione di proposte progettuali funzionali all’accesso alle fonti di finanziamento regionali, nazionali ed europee, in relazione all’attività dell’Ufficio Europa.
Mercadante continuerà a lavorare sulle politiche divulgative inerenti il settore del teatro e della cinematografia, anche in relazione a iniziative a carattere educativo e di promozione della coesione sociale e programmazione nel settore culturale.
Infine, Torre continuerà a occuparsi di politiche per la tutela della salute, programmazione sanitaria e d’intervento nella pianificazione e gestione del sistema sanitario pubblico nel territorio, tutela dell’offerta sanitaria pubblica e dei presidi sanitari territoriali, con particolare riguardo al presidio ospedaliero cittadino. Come in precedenza, anche gli attuali incarichi hanno carattere gratuito e durata di un anno decorrente dalla data di accettazione”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *