Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Pinocchio

Pinocchio

Paese: Italia

Genere: Animazione

Durata: 84 minuti

Regia: Enzo d’Alò

La tanto attesa versione di Pinocchio realizzato con la collaborazione del compianto Lucio Dalla e con le tavole del grandissimo Lorenzo Mattotti  è finalmente arrivata.

Geppetto, un povero falegname senza figli decide di creare, partendo da un pezzo di legno che ha trovato, un burattino. La cosa gli riesce talmente bene che il burattino fugge via non appena ha le gambe, ma è catturato dai carabinieri che, riportatolo indietro, arrestano Geppetto. Pinocchio è rimproverato dal Grillo Parlante, che però è schiacciato dal burattino contro il muro.

Geppetto torna a casa e si prende cura di lui: gli ricostruisce i piedi bruciati dalle fiamme del camino, vende la sua giacca per comprargli l’abbecedario, fa tutto quello che farebbe un padre amorevole. Ma Pinocchio preferisce i divertimenti allo studio e vende a sua volta l’abbecedario per vedere uno spettacolo di marionette. Durante le sue avventure incontra molti personaggi, buoni o cattivi, che lo porteranno ad essere inghiottito da un pescecane gigante. Al suo

interno ritroverà Geppetto, che si era messo alla sua ricerca disperato…

Tra le varie versioni dell’immortale fiaba Collodiana, questa di Enzo d’Alò è di certo la più fedele all’originale, tanto fedele che chi è abituato a versioni disneyane, potrebbe trovarsi di fronte ad un titolo tutto nuovo. Gli episodi più famosi della fiaba qui tornano fuori, come i due carabinieri, il grillo schiacciato da pinocchio, l’impiccagione…il livello grafico qui non cerca il dettaglio grafico a tutti i costi ma anzi lo sacrifica per uno stile ricercato e sui generis, con dettagli appena sbozzati e colori fortissimi che conferiscono all’opera un sapore retrò tipico delle stampe che si vedevano in tempi più remoti su libri di favole come questa.

Il tocco di Mattotti poi, è in grado sia di esaltare sia i toni più infantili della fiaba sia i momenti decisamente horror che Pinocchio, come buona parte delle fiabe, ha. Il buon doppiaggio dei personaggi da parte di Rocco Papaleo e di Paolo Ruffini dà quel tocco in più oltre alle ottime musiche di Lucio Dalla. Nel complesso un’opera da vedere. Consigliato a chi crede di aver visto Pinocchio.

Paolo Failla

Sano di mente nonostante un'infanzia con classici Disney e cartoni animati giapponesi, il battesimo del fuoco arriva con i film di Bud Spencer e Terence Hill, le cui opere sono tutt'ora alla base della sua visione sull'ordine del cosmo. Durante l'adolescenza conosce le opere di Coppola, i due Scott, Scorsese, Cameron, Zemeckis, De Palma, Fellini, Monicelli, Avati, Steno e altri ancora. Su tutti Lucas e Spielberg . Si vocifera che sia in grado di parlare di qualsiasi argomento esprimendosi solo con citazioni varie. Ha conosciuto le vie della Forza con una maratona di Star Wars di oltre 13 ore.