#Palermo. Omicidio narcos, condannato a 16 anni il pentito Carbone

Giuseppe Salvatore Carbone
Giuseppe Salvatore Carbone

Condannato a 16 anni di carcere il pentito Giuseppe Salvatore Carbone, 45 anni, accusato dell’ di Fernando Pimentel e Juan Ramon Fernandez.

I due erano narcotrafficanti legati alla mafia canadese e furono uccisi nel maggio dell’anno scorso e poi bruciati e seppelliti nell’immondizia sotto una lastra di eternit nelle
campagne di Casteldaccia, a pochi chilometri da Palermo.
E’ stato proprio il pentito a far ritrovare i corpi dei due narcos, che gestivano il traffico di droga tra il Canada e la Sicilia.
Il loro omicidio, commesso dai fratelli Pietro e Salvatore Scaduto, attualmente sotto processo, sarebbe stato deciso dal boss Vito Rizzuto, uno dei capimafia di Toronto.
A Carbone, collaboratore di giustizia, in passato membro della cosca di Bagheria e arrestato durante un blitz del maggio 2013, è stata concessa l’attenuante prevista per i pentiti di mafia. 

Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.