Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Palermo. Lavori tram, da oggi chiuso il ponte Calatafimi

Palermo è un cantiere a cielo aperto, la realizzazione della linea tranviaria e delle stazioni metro da settembre costringono i cittadini a cambiare costantemente le loro abitudini.

Da oggi, mercoledì 7 gennaio, i lavori per la realizzazione della piattaforma tra la via Giuseppe Pollaci, il ponte Calatafimi e il viale Regione Siciliana comporteranno importanti modifiche alla viabilità della zona di Corso Calatafimi.

Sul ponte di Corso Calatafimi, sino alla fine di aprile 2015, sarà del tutto interdetta la circolazione veicolare e pedonale, nella carreggiata di collegamento tra la via Pollaci e viale Regione Siciliana in direzione Trapani.

Su viale Regione Siciliana, in direzione Catania-Messina, sul prolungamento di via Tasca Lanza, tra via Pollaci e il ponte Calatafimi, sarà istituito il doppio senso di marcia con ingresso e uscita da e su via Tasca Lanza. Inoltre, nella strada senza uscita sul ponte Calatafini è stato istituito il divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sul lato dei fabbricati.

Palermo_mappa_vie alternativeLa posa dei binari del tram obbliga, sempre da oggi e fino al 28 febbraio, alla chiusura dell’accesso a via Pacinotti da via Leonardo da Vinci.

Il traffico proveniente da via da Vinci direzione monte dovrà obbligatoriamente girare a destra su via Galilei o proseguire dritto. Mentre, provenendo da via Galilei, si potrà esclusivamente girare a destra in via da Vinci.

Le vetture provenienti da via Pacinotti non potranno immettersi direttamente su via da Vinci ma dovranno svoltare a sinistra per via Campolo, via Lulli e quindi svoltare a destra verso piazza Ottavio Ziino.

Insomma, allacciare le cinture, studiare le mappe con i percorsi alternativi, dotarsi di cariche di pazienza e prepararsi all’impossibile.

Armando Montalto

Tra la metà dei Novanta e i primi Duemila ha cambiato città, paese e occupazione con la rapidità di un colibrì. Insomma, questo quarantenne messinese, dopo aver fatto consegne a Canal Street, parlato in nome della UE, letto Saramago, tirato sassi sul Canal Saint Martin e bevuto fiumi di birra ha deciso. Tornare a casa, mettere su famiglia e la testa a posto. Oggi si divide tra libri, mare e famiglia. Intanto, prova a scrivere e a raccontare Messina.