Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Notte della Cultura, tutti gli appuntamenti

Il conto alla rovescia per la terza edizione della Notte della Cultura è iniziato. Lunedì prossimo il sindaco Buzzanca ed il presidente della Provincia Ricevuto presenteranno ufficialmente l’iniziativa a Palazzo dei Leoni. E mentre la macchina organizzativa è al lavoro per gli ultimi ritocchi e per inserire ancora qualche “chicca”, ecco l’elenco degli appuntamenti tra i quali scegliere cosa fare.

Particolare della cripta del Duomo

Infiorata a piazza Duomo realizzata dal maestro Donia, già protagonista dell’infiorata di San Pier Niceto, una delle più importanti dell’Isola. In sinergia con la mostra del PalaCultura “San Francesco in meditazione”, saranno realizzati con la tecnica dell’infiorata i due quadri che celebrano il Patrono d’Italia per inaugurare le attività proposte quest’anno, in cui si commemora il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Al PalaCultura il recital di Nino Frassica “Il Cantico delle Creature”, il concerto di Mario Incudine, considerato dalla critica l’interprete di “un modo nuovo di cantare la Sicilia fra il cantastorie ed il cantautore”, che ha vinto nel 2009 la decima edizione del Festival della Nuova Canzone Siciliana, ed è uno dei personaggi più rappresentativi della nuova World music italiana, lo spettacolo di danza “Le sette sorelle” proposto dall’Associazione Culturale “Marvan”, il Cirs Onlus ed il Laboratorio Psicoanalitico Vicolo Cicala proporranno “Il Compagno Adulto alla notte della Cultura” (spazio per la promozione nel territorio messinese di questa figura professionale ampiamente utilizzabile con gli adolescenti in difficoltà.

Sulla scalinata “F.Bruno”, intrattenimento musicale di complessi messinesi ed una mostra di pittura, lettura prosa e poesia.

Nell’Aula magna della Corte di Appello, curata da Giuseppe Costa, consigliere della Corte di Appello di Messina e magistrato addetto alla Presidenza, si terrà una relazione su “La giustizia dopo il terremoto” relativa alla drammatica fase del dopo sisma sia rispetto all’attività della magistratura messinese, sia la successiva attività che condusse all’edificazione di Palazzo Piacentini. Seguirà subito dopo una visita guidata del palazzo nelle parti di maggiore interesse artistico ed architettonico. Per consentire la partecipazione alla relazione ed alla successiva visita guidata, il palazzo sarà aperto esclusivamente dalle 21 alle 23.

La Fondazione Fiumara d’Arte proporrà al Pala Cultura una proiezione dell’attività dalle origini ad oggi, alla presenza del fondatore Antonio Presti.

L’Arcidiocesi di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela, proporrà in Duomo dalle 21
alle 22 un concerto di Stefania La Manna che suonerà l’organo Tamburini (il secondo d’Europa e uno dei più grandi del mondo) ed il “Ritmo live” dell’Orchestra Multietnica Giovanile diretta da Michele Amorosi. Dalle 22 alle 23 e dalle 24 all’una, visite guidate tra i monumenti della Cattedrale (tra questi la lapide di Costanza d’Altavilla del XII secolo) e dalle 23 alle 24 il concerto “Laudes et Poliphonia” del Coro Santa Maria dei Miracoli, diretto da Giacomo Arena. Dall’una alle 2 Giovanni Lombardo suonerà l’organo Tamburini, mentre il Tesoro del Duomo sarà aperto dalle 21 alle 24 con ingresso libero per i visitatori sino a 18 anni e di 2 euro per tutti gli altri. Visite alla Cripta del Duomo dalle 24 alle 2 con esperti, con ingresso libero.

Alle 21 alla Chiesa dei Catalani, sempre con ingresso libero, il concerto della Corale “La Perosiana” ed alle 22, la conferenza a cura dell’Istituto Teologico San Tommaso, sul tema “Stabilità e instabilità del sentimento d’amore”.

Alla chiesa di Santa Maria all’Arcivescovado alle 21, “Iconografia della Madonna della Lettera”, video e commenti a cura del Comitato cittadino per Maria SS. della Lettera ed alle 22.30 “Dal dubbio alla certezza: i Salmi della Bibbia”, lettura di alcuni Salmi biblici con l’introduzione di monsignor Giuseppe Costa, direttore dell’Ufficio Catechistico diocesano con l’accompagnamento musicale e le improvvisazioni del Maestro Piero Blanca. Alle 23.30 di nuovo “Iconografia della Madonna della Lettera”.

Alle 21, al Seminario Arcivescovile San Pio X, alle 21, visita guidata ai locali del Seminario, al Museo di scienze naturali ed alla Biblioteca Painiana. Alle 23 un concerto per pianoforte e violino eseguito dai seminaristi.

Alla libreria San Paolo gli eventi “Alla scoperta di antiche e nuove culture” alle 21. A seguire “Luce del mondo”, lettura dell’ultimo libro del Sommo Pontefice Benedetto XVI, con l’accompagnamento musicale di Oriana Celesti al clavicembalo.

A partire dalle 22, nella chiesa normanna Santa Maria di Mili, storia e immagini a cura di Sebastiano Busà, presidente del gruppo CTG di Mili San Pietro, “I giovani per l’arte”, presentazione della candidatura della chiesa e del monastero al concorso “Meraviglia Italiana” del Forum Nazionale dei Giovani, promotrici le associazioni giovanili CTG Mili San Pietro, Ionio e GioSeF Messina ed alle 23, la presentazione del libro “Quelli del quartiere Avignone” di G. De Lorenzo.

L’ Ufficio Programmi Complessi del Comune di Messina esporrà gli elaborati presentati in occasione del “Bando di concorso per la progettazione e realizzazione di un’opera d’arte da collocare in via Porta Messina nell’area denominata “Piazza della Memoria”. A Palazzo Zanca, oltre la visita alla stanza del sindaco, alla sala Giunta, alla sala Consiliare ed alla sala Commissioni, nella sala Falcone e Borsellino sarà descritto da Francesca Campagna Cicala l’affresco di Alonso Rodriquez “L’ultima Cena”. Allestire inoltre la mostra fotografica “Lo sbarco di Don Giovanni d’Austria nel porto di Messina per la Battaglia di Lepanto” a cura dell’Associazione Culturale Aurora in collaborazione con l’assessorato alle Politiche del Mare e la mostra “Tra i Peloritani e lo Stretto”, a cura dell’Associazione Ornitologica Messina Onlus. L’area archeologica e l’antiquarium saranno aperti dalle 20 alle 2.

All’aquario sarà proiettato un filmato in 3D sui delfini, a cura del Cnr-Iamc u.o.s. Messina.

L’assessorato all’Arredo Urbano ed Ambiente e l’area Coordinamento Salvaguardia Ambientale – Dipartimento servizi cimiteriali proporrà “Il giardino scultoreo della memoria”, visite guidate all’interno del cimitero monumentale. Alle 9 ed alle 11, si potrà usufruire anche di due visite guidate che si concluderanno nella visita al Famedio, con particolare attenzione per i tre cenotafi monumentali di Felice Bisazza, Giuseppe La Farina ed Giuseppe Natoli. Dalle 21 alle 23, visita notturna dall’ingresso all’atrio delle celebrazioni sino all’area intorno allo scenografico parterre all’italiana, dominato dalla mole della cappella di San Basilio degli Azzurri.

Al Palacultura alle 17,30, concerto della Banda musicale della Brigata Aosta ed apertura del Sacrario di Cristo Re.

L’Autorità marittima della navigazione dello Stretto di Messina proporrà visite guidate al Centro VTS di Forte Ogliastri e dalle 9 alle 14, per un numero massimo di 30 visitatori per volta a gruppi di dieci, alla Sala Consolle VTS.

In occasione dell’evento faranno sosta nel porto mercantile le Unità Navali della Scuola Comando, la Corvetta Urania ed i Pattugliatori Orione e Libra, che potranno essere visitate. L’Agenzia industria difesa – Arsenale, in collaborazione con il Distaccamento Marina militare, allestirà un’area museale a Forte San Salvatore, dove saranno trasferite tre bocche da fuoco garibaldine, una delle quali ancora a Torre Faro. La Soprintendenza esporrà una statua in onice della Maddalena su vascello e reperti dell’Arsenale (stampi lignei delle dita della statua della Madonna della Lettera). Previste anche visite accompagnate nell’area del bacino. La Biblioteca Regionale proporrà una lettura della Zona Falcata, luogo simbolo ed identificativo della città sin dall’antichità, con materiali di estremo valore conservati nel suo patrimonio. Saranno esposti quattro manoscritti miniati datati dall’XI al XIV secolo, corredati da pannelli esplicativi provenienti dalla biblioteca del Monastero greco del San Salvatore, situato nella zona falcata fino al Cinquecento. Il Monastero, fondato ufficialmente da Ruggero II nel 1132, possedeva una ricca biblioteca, confluita oggi nella Biblioteca regionale, e costituisce uno dei rari casi in cui la gran parte di una raccolta libraria così antica (i 177 codici sono databili complessivamente tra il IX ed il XVII secolo), si conserva ancora nella sede d’origine. Ai manoscritti si affiancheranno numerose stampe (piante e vedute), che raffigurano la falce e lo Stretto, dal Cinquecento all’Ottocento. L’intento è quello di offrire una suggestiva immagine del passato di Messina così come si è conservato nella raccolte della Biblioteca. L’esposizione sarà aperta alle 20 di sabato 12 e potrà essere visitata anche dal 14 al 18 febbraio dalle 8.30 alle 13.30, mercoledì 16 dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 18. Sarà possibile prenotare visite guidate per scuole e gruppi. Informazioni e prenotazioni: 090663332/33 int. 201; brs.me.uo5@regione.sicilia.it.

Il Conservatorio “Corelli” parteciperà con diverse formazioni musicali che si esibiranno nella Chiesa di Gesù e Maria del buon viaggio al Ringo ed in piazza del Popolo.

La Camera di Commercio proporrà “L’arte alla Camera di Commercio tra ‘800 e il ‘900”, una mostra che rappresenta parte del patrimonio acquisito tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del secolo successivo e “Una finestra sul mondo. Suoni, Sapori e danze per una extraordinaria notte… tra Oriente e Occidente”, a cura dell’I.I.S. “Antonello” e dell’Associazione NonsoloCibus. Sempre alla Camera di Commercio, mostra di Confindustria “L’arte del riciclo”, personale di Linda Schipani, a cura dell’Associazione NonsoloCibus. E poi Artisti in Mostra, personale degli artisti
messinesi Mamy Costa, Daniele Mangano, Pippo Crea e Giacomo Costa. Allestita a cura del maestro d’ascia Giacomo Costa una piccola mostra di modelli delle tipiche barche da pesca dello Stretto di Messina.

Alla Santa Maria Alemanna una mostra-convegno organizzata dall’Istituto Italiano dei Castelli su “Il potenziamento delle fortificazioni dello Stretto di Messina: 1810, lo sbarco murattiano in Sicilia”.

Al Monastero dello Spirito Santo dalle 20 all’una, la notte sarà animata da studenti, docenti, genitori ed ex alunni dell’Istituto Scolastico Paritario volontari dell’Associazione “Noi, Spirito Santo” Figlie del Divino Zelo, con visite guidate a cura degli studenti dei licei Scientifico ed Artistico “Canonico Annibale M. Di Francia” e dei giovani dell’Associazione culturale “Cara beltà”.

Al Teatro Annibale Di Francia sarà allestita la mostra “Sicilia bedda”, a cura del Liceo Artistico “Can. A.M. Di Francia”. Alle 23.30, nella piazza Spirito Santo l’Infiorata: “1.000 petali per Padre Annibale illuminano la notte della cultura”, organizzata dai Licei Artistico e Scientifico “Can. A. M. Di Francia”. Nella chiesa di Santa Maria dello Spirito Santo, il Trio di clarinetti con Lucio Brancati, Giuliana Nicotra e Marta Arcadia, ed alle 22 il Coro “Dolcissima musica” degli alunni della scuola secondaria di I e II grado. Organizzate anche le mostre “Memoriae repertae: le cripte”, a cura dei Licei Artistico e Scientifico “Canonico Annibale M. Di Francia”, con l’accompagnamento del maestro Diego Marabello alla chitarra e “L’oggi del Monastero Spirito Santo” degli alunni dell’Istituto Scolastico “Can. A. M. Di Francia”. Il programma prevede anche la proiezione della vivace e significativa vita scolastica, mentre nel chiostro del Monastero dello Spirito Santo musiche per arpa con Martina Nasisi e per chitarra con Angela Russo, la mostra: “Creature angeliche: suggestioni artistiche e letterarie” del Liceo
Artistico “Can. A. M. Di Francia”, “Camerella bizantina” con il duo di clarinetti Lidia e Anisia Brischetto ed alle 21 il Coro “Annibale M. Di Francia” degli alunni della Scuola primaria, con visita alle stanze ed al museo di Padre Annibale e di madre Maria Nazarena.

Insieme con l’ATM, l’Associazione Ferrovie Siciliane – AFS allestirà una mostra
fotografica dedicata ai trasporti pubblici su gomma del Comune di Messina. L’esposizione sarà realizzata a bordo di un

bus, ancora circolante, di particolare interesse. Per tutta la durata dell’evento il mezzo sosterrà nell’area antistante il Teatro Vittorio Emanuele o a piazza Duomo. La mostra sarà costituita da pannelli riportanti immagini più o meno recenti, raffiguranti i mezzi in dotazione al parco ATM durante il servizio cittadino.

La Banca d’Italia,partecipa per la prima volta alla Notte della Cultura con una mostra documentaria ed una veduta della Messina del ‘600 allestita nel salone che sarà aperto al pubblico con l’esposizione di alcuni volumi sulla storia della banconota e della moneta. Prevista anche la distribuzione di materiale divulgativo sull’euro e sugli elementi
di sicurezza delle banconote fornito dal Servizio Cassa Generale e la documentazione agli atti della Filiale nella sezione “storica” dell’archivio (quali lettere intercorse con personaggi di rilievo della città, documenti a carattere non riservato riguardanti, ad esempio, la Banca di Messina, organismo rappresentativo per il territorio, registri contabili,etc.).

Al Circolo del tennis e della vela, mostra di racchette da tennis e altri cimeli d’epoca, mentre al Tennis Club, mostra fotografica sull’attività del Circolo dall’anno della sua fondazione ai giorni nostri. All’Associazione motonautica e velica, in
collaborazione con la Galleria d’arte “Orientale Sicula”, collettiva di pittura dal titolo “Messina ed il suo mare”.

L’Ente Autonomo Fiera di Messina proporrà mostre vintage, di scultura, pittura
e fotografia di artisti messinesi e della Provincia e delle opere realizzate dagli studenti
dell’Accademia di Belle Arti Mediterranea di Messina; Esposizione di modellismo storico, intrattenimento ludico per i ragazzi, ed uno spazio riservato all’editoria antica, contemporanea ed alla poesia, con la lettura di brani di autori di livello nazionale, quali Alda Merini e Mario Luzi. All’interno di un padiglione, a cura del Comitato Vara, mostra della carrozza senatoria e delle collezioni di carrozze storiche “Molonia”. All’ex Irrera a mare, curata della famiglia Vizzini, una mostra sulla rassegna cinematografica internazionale e, curata da “Europa Due”, la proiezione del cortometraggio “Bianco nero e…cinema” (remake della Dolce vita di Federico Fellini), girato a Messina, con uno spazio dedicato al cinema. Sempre all’ex Irrera a mare, l’Associazione Nazionale
del Fante organizzerà una esposizione con opere in pittura realizzate con tecniche diverse, oltre ad una rassegna di pubblicazioni del Gabbiano. Infine, nella saletta di rappresentanza della Fiera Campionaria, recital di poesie dei maggiori poeti contemporanei che hanno espresso con profonda riflessione elevati concetti di particolare intensità emotiva sulla tematica della pace. Le Patronesse dell’Associazione cureranno la Lettura agli Artisti di Giovanni Paolo II, e le sue liriche, di Leèopold
Sedar Senghor poeta, saggista ed uomo di Stato, di Alda Merini che cantò il dolore degli esclusi, del Premio Nobel della poesia polacca Wislawa Sizymbosca e del poeta mistico MarioLuzi. Seguirà inoltre un recital di noti poeti messinesi e saranno assegnati da Maria Froncillo Nicosia a personalità della cultura cittadina, libri della poetessa Maria Teresa Spaziani, Menzione d’onore della XIX^ Edizione del Premio Internazionale Letterario Artistico Elio Vittorini. L’Ente Fiera garantirà agli utenti anche un ampio parcheggio e punti ristoro con esibizioni live di artisti locali.

La Fondazione Bonino Pulejo proporrà un evento programmato con la London Shool of Economy con un convegno all’Auditorium della Gazzetta del Sud alle 19, su “Quale sviluppo per il mezzogiorno? Ruolo della Sicilia”.

A Forte S. Salvatore “Messina e il Mare. Esposizione di reperti e immagini a cura dell’assessorato alle Politiche del Mare, della Biblioteca Regionale, della Marina Militare, del Comando Zona Fari della Sicilia, della Capitaneria di Porto, dell’Arsenale
Militare, della Soprintendenza ai Beni Culturali, del Museo Regionale, del Museo Storico di Forte Cavalli, del Comando VV. UU., del Gruppo Aeronavale GDF, della Capitaneria di Porto, della Guardia Costiera e delle “Ferrovie Siciliane – Associazione culturale per la tutela e la conservazione del patrimonio storico e tecnico del trasporto siciliano”. La Soprintendenza di Messina aderirà all’iniziativa con le esposizioni “Storiche battaglie nelle acque dello Stretto. Il relitto di Capo Rasocolmo” a cura di Gabriella Tigano, responsabile dell’Unità Operativa Beni Archeologici, “La navigazione miracolosa. I Santi. L’Arte e il Mare” a cura di Grazia Musolino, responsabile dell’Unità Operativa Beni Storico-artistici, “Fede e Difesa: immagini e documenti” a cura di Mirella Vinci, responsabile dell’Unità Operativa Promozione Culturale, con la conferenza “La Difesa costiera dello Stretto di Messina tra il XVI e il XX secolo” a cura di Enzo Caruso, Direttore del Museo Storico di Forte Cavalli e domenica 13, con “La Cultura dentro le Mura”, a cura del coordinamento dei Forti dello Stretto (apertura ore 9-13).

A Forte Cavalli, il Museo Storico della Fortificazione Permanente dello Stretto di Messina, che sarà aperto dalle 10 alle 12,30 a cura dell’Associazione Comunità Zancle – Onlus. A Forte Puntal Ferraro, il Parco dei Daini a cura dell’Azienda Foreste demaniali e dell’Associazione Le Tre Torri. A Forte Serra la Croce, a Curcuraci, mostra e visita guidata a cura della Soc. Coop Sociale “Servire 95”. A Forte dei Centri, a Salice, visita guidata a cura della Coop. Giovanile “La Zagara”. A Forte S.
Jachiddu, in programma una visita al Parco Ecologico, a cura della Coop. “Scirin”. A Forte Petrazza, visita guidata a cura del Consorzio Sol. E. A Forte Ogliastri, mostre allestite dal Comitato di Coordinamento, e visita guidata al Centro VTS, a cura dell’Autorità Marittima della Navigazione dello Stretto. La Galleria orientale sicula presenterà una mostra fotografica sull’Afghanistan di G. Battaglia, la ditta Alvaro e Correnti di Messina dal 12 al 15 proporrà invece “Ferri e Oro”, laboratorio orafo del XIX sec. completo e manufatti di maestranze messinesi in oro e argento, mentre all’oreficeria Cosio di corso Cavour, esposizione dedicata a “La fede e il mito
nell’arte orafa messinese” con dimostrazione della tecnica della cera persa. Infine, all’oreficeria Tranfo, in corso Cavour 72, per tutta la notte si potrà ammirare per la prima volta, un esemplare di moneta in oro, rarissima, denominata “Messenion” terzo esemplare al mondo, ed unico esistente nella nostra citta’. La moneta e’ stata periziata e certificata da Maria Caccamo Caltabiano, che interverrà alla presentazione.

Alla Galleria Vittorio Emanuele concerto del duo musicale composto dal musicista Melo Mafali alla pianola e Maria Fausta Rizzo al violino. Entrambi diplomati al Conservatorio, eseguiranno un programma di musica da camera, consono
all’importanza storico ed architettonica dei luoghi. Altre mostre saranno ospitate in galleria con diverse installazioni di giovani artisti del Circuito internazionale dei Giovani Artisti Italiani. Ad ospitare le opere gli esercenti che durante la serata offriranno anche un servizio di hostess finalizzato ad illustrare ai visitatori la storia della Galleria e l’importante opera di ristrutturazione operata dal Comune. L’Istituto Comprensivo Pascoli-Cristo Re, in collaborazione con il Centro per Sordi Annibale M. Di Francia, curerà dalle 16 di sabato 12 all’una di domenica 13 l’apertura della Chiesa di Cristo Re, delle Carceri, dell’Arco e delle Mura di Carlo V e del Centro per Sordi. I 50 bambini del
Coro di voci bianche della scuola media statale “G. Mazzini” si esibiranno in 3 canti a 2 voci con accompagnamento al pianoforte (direttore del coro M.Luisa De Matteis, pianoforte Michela Trevisan) per 15 minuti, 6 allievi della scuola di flauto traverso per 10 minuti, e gli allievi della scuola di pianoforte per 15 minuti.

L’XI Istituto Comprensivo Gravitelli, al “Salone degli Specchi” della Provincia
Regionale, dalle 20,30 alle 24, proporrà “Advena Messanae”= Straniero a Messina: incontri con cittadini stranieri, che operano nella nostra città a diverso titolo (docenti, sportivi, musicisti, medici, studenti ecc….), con musica tra un intervento e l’altro, e buffet finale con prodotti di cucina internazionale.

L’Istituto Superiore Bisazza proietterà un video sulla storia e sulle tradizioni dell’antico borgo del Ringo, corrispondente all’area attualmente vissuta ed abitata dalla popolazione scolastica dell’istituto. La storia dell’insediamento, a partire dalla fine del Cinquecento, sarà analizzata attraverso fonti documentali manoscritte, storiografiche e cartografiche e saranno poste a confronto le antiche tradizioni economiche, connesse alla pesca e all’agricoltura, le tipologie edilizie, le emergenze artistiche del passato e del presente. Il liceo artistico statale “Ernesto Basile”, esporrà all’interno dell’Istituto opere scultoree degli artisti Bonfiglio, Castagna, Lucerna e Trifiro, oltre ad opere del suo ricco museo di pittura, oreficeria, tessitura e moda.

Vari appuntamenti sono anche previsti all’ Istituto “A.M.Jaci” ed al Liceo Classico “F.Maurolico”.

La chiesa di Santa Caterina sarà aperta dalle 20.30 all’una, consentendo alle 22 una visita guidata alle opere d’arte ed offrendo una mostra di antiche stampe su S. Caterina d’Alessandria, videoproiezione, esposizione di antichi arredi sacri ed esecuzione di brani all’organo Tamburini.

La V Municipalità curerà alla chiesa di Gesù e Maria del Buon Viaggio al Ringo, l’apertura della Cripta, a San Francesco di Paola in viale della Libertà una mostra fotografica su Giovanni Paolo II, l’apertura del Forte Ogliastri ed un evento musicale al lungomare del Ringo “Biagio Belfiore”.

Al santuario di Montalto la IV Municipalità promuoverà la Storia di Montalto durante i Vespri Siciliani” ed un Concerto di chitarra classica del maestro Leandro Giannetto. Al santuario di Sant’ Antonio, apertura del Museo e concerti.

L’ordine degli Architetti proporrà Archinotte, eventi di Architettura e musica in strada dal cortile dell’Ordine, in via Romagnosi.

Al santuario del Carmine, alle 20,30, apertura della mostra di oggetti e paramenti Sacri che hanno caratterizzato la presenza dei Carmelitani a Messina, con percorso guidato. alle 21 conferenza-concerto con intervento di Giulio Romano, con inediti aneddoti sul Santuario del Carmine e particolari riferimenti alla Cupola. Brani musicali saranno eseguiti dall’Associazione Musicale “Luca Marenzio”.

Il Kiwanis Club Messina Centro, dalle 21 alle 23 organizzerà un concerto Polifonico e d’organo nella Chiesa Barocca di Santa Eustochia, con l’organista Suor Chiara Maria Fortunata Angelino e l’Associazione Corale Polifonica G.P. Palestrina.

Nella Chiesa Madre Parrocchia Santa Maria Incoronata sarà esposto il Ferculum argenteo di San Giacomo Apostolo di Camaro Superiore, realizzato nel 1666 dai fratelli
Juvara insieme al Codice Callistino (Liber Sancti Jacobi – Codex Calixtinus), codice latino, compilato nell’ambito di un programma di glorificazione ed esaltazione della sede episcopale compostellana che si è rivelato di assoluto rilievo per il consolidamento e la promozione del pellegrinaggio a Santiago, in Spagna. Esposizione inoltre di altri codici Miniati e visite guidate al Museo Jacobeo, mentre nel salone parrocchiale, adiacente la Chiesa Madre sarà allestita una mostra delle copie dei dipinti a grandezza naturale di Antonello da Messina.

La Protezione civile realizzerà un’opera tra e con artisti messinesi, mentre il Genio civile esporrà le opere del Museo del Fango. Al Monte di Pietà la Provincia prolungherà la mostra “ Angeli senza tempo”, mentre a Palazzo dei Leoni si terrà la Loggia dell’Arte, mostra d’arte contemporanea, e l’anteprima della mostra di Tano Sciacca.

Concerti anche alla Galleria d’Arte Contemporanea con musica Jazz, al Monte di
Pietà, teatro e danza e nella Sala del Consiglio provinciale si esibirà la Fanfara del 12°
Battaglione Carabinieri Sicilia e la Banda Musicale di Faro Superiore.

Lo studio d’arte Kalos di via Carlo Botta organizzerà per la notte della cultura una
mostra dedicata ai maestri del 900, con opere originali degli artisti De Pisis, Bueno, Xavier, Guttuso, Sironi, Botero, Gonzaga, Xante, Battaglia, D’Ascola, Cappello, Barbera, Migneco, Zona, Cascella ed altri. Ed ancora stand espositivo sull’attività istituzionale della Polizia di Stato a Palazzo Zanca.

Al teatro Vittorio Emanuele una mostra con la Soprintendenza e come per le
edizioni precedenti, è previsto per la manifestazione l’annullo filatelico.