No del CSA al piano triennale del personale del Comune

Il CSA Regioni Autonomie Locali di Messina contesta il piano triennale del fabbisogno del personale varato da Palazzo Zanca. Il piano prevede l’assunzione di tutti i precari attualmente in servizio, di 3 dirigenti (uno a tempo indeterminato e 2 con contratto a termine)e di 32 vigili con contratto a tempo determinato ( i vincitori e gli idonei della graduatoria OPCM) nell’arco di tre anni.

Ma secondo il CSA “nel primo anno si dovrebbe procedere  all’assunzione dei 32, dei tre dirigenti e dei 50 vigili precari (questi ultimi hanno in essere un contenzioso per il consolidamento dell’orario che, se accolto, si rivelerà assai pernicioso per le casse comunali), di tutto il personale precario di categoria A e B e dei precari con qualifica di assistente sociale, mentre gli altri saranno assunti entro il biennio successivo.

Elogiamo l’amministrazione per l’intento –dichiara Pietro Fotia, responsabile del sindacato- ma è importante porre in essere tutti gli atti

propedeutici all’indizione delle procedure concorsuali, tra cui l’integrazione del regolamento inerente le procedure concorsuali, con specifica sezione sulla stabilizzazione, e soprattutto l’inserimento nel Piano di riequilibrio”.

Ma i nodi da sciogliere sarebbero anche altri. A partire dalla possibilità di assumere un dirigente con la qualifica di comandante del Corpo dei Vigili Urbani, “stante la presenza in servizio del vincitore dello specifico concorso, il generale Ferlisi, che in ogni caso ha in atto un contenzioso con l’Ente per il riconoscimento del ruolo di comandante e che probabilmente impugnerà la delibera in questione, vanificando così le intenzioni dell’Amministrazione in caso di annullamento o sospensiva della stessa”.

Per quanto riguarda poi l’assunzione di dirigenti con contratto a tempo determinato, Fotia ricorda l’obbligo di utilizzare professionalità interne.

Ma “serie preoccupazioni desta l’assunzionale dei 32 vigili urbani precari, per varie motivazioni giuridiche e finanziarie (la loro previsione provocherà il disallineamento finanziario) di tale entità, che potrebbero inficiare tutto il percorso inerente il piano triennale delle assunzioni”. E per non perdere le professionalità esistenti il CSA suggerisce di attivare la procedura per l’assunzione di vigili urbani stagionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *