Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Niente tram la domenica, l’Orsa: “Un’assurdità”

Soppressione del tram la domenica e nei festivi e sostituzione del servizio con autobus di linea. La proposta è della II Commissione consiliare di Palazzo Zanca, che a breve ne farà un ordine del giorno. Ipotesi che però lascia decisamente perplessi gli addetti ai lavori e che si becca una sonora bocciatura da parte del sindacato Orsa.

“Sospendere l’esercizio tranviario nei festivi in prossimità del Natale è un’assurdità -commenta Michele Barresi, delegato regionale di Orsa Trasporti. E’ un segnale di resa della politica e dell’azienda a dimostrazione della scarsa conoscenza in materia di mobilità. Come Orsa siamo nettamente contrari a questa soluzione”.

Per la II Commissione consiliare del Comune di Messina invece, “tale proposta parte dalla considerazione che il tram nei giorni festivi è poco utilizzato e determina ingenti costi e assorbe numerose unità di personale, visto che mettere in esercizio la tranvia, anche solo per una macchina, impiega 18 dipendenti. Questa soluzione, inoltre, permetterebbe di liberare risorse da utilizzare per il maggior numero di autobus ad oggi in circolazione, come più volte richiesto dalle organizzazioni sindacali”.

“Se la politica e l’azienda ritengono che il tram non sia un’opportunità da sfruttare ma un fardello -replica ancora Barresi- prendano atto del fallimento di ogni passata e presente programmazione sulla mobilità urbana cittadine e ne chiudano l’esercizio. Spiegando però ai cittadini quanti milioni di denaro pubblico sono stati mal investiti e gestiti dalle ultime

classi politiche messinesi, specificando responsabilita’ precise.

Non è condivisibile sostituire il tram con il gommato, potendo peraltro contare su un parco mezzi insufficiente e con bassi standard di qualità e di inquinamento ambientale, unicamente per nascondere l’incapacità di trovare soluzioni più congrue come invece avviene in realtà a noi vicine. A partire da Catania -conclude Barresi- dove in soli quattro mesi la nuova amministrazione ha triplicato i bus in servizio, riorganizzato il personale e attivato le procedure per l’assunzione di nuovi autisti”.

Durante la seduta, sempre in merito all’Azienda Trasporti, la Commissione ha appreso dei manifesti di minaccia nei confronti di alcuni dirigenti diffusi da ignoti e della chiusura di alcuni cancelli di ingresso per il personale e ha manifestato “la più ampia solidarietà ai dirigenti ATM destinatari di intimidazioni. A tal proposito, si invita il commissario straordinario ad avviare una profonda opera di risanamento dell’azienda, perseguendo gli episodi di lassismo e di malcostume che hanno caratterizzato gli ultimi anni della gestione aziendale”.

E in Commissione Trasporti, presieduta da Simona Contestabile e riunita alla presenza del dirigente la Mobilità urbana Mario Pizzino, al funzionario del Dipartimento Bruno Bringheli, al commissario straordinario dell’ATM Domenico Manna e al dirigente tecnico Salvatore Orlando si è discusso anche di ZTL e della sua funzionalità. “E’ emersa la necessità -spiega la Contestabile- di apportare correttivi e modifiche che pur mantenendo in essere la ZTL la rendano più equa e meglio organizzata, con riferimento specifico ai controlli per il contrasto della sosta selvaggia e al necessario supporto che deve svolgere l’ATM per l’ottimale funzionamento della  ZTL”