#Nicosia. Guido Reni e la Magnificente Bellezza

AvanzateL’evento artistico Guido Reni e la Magnificente Bellezza – Capolavori da Ascoli Piceno che, in programma a Nicosia nella chiesa di San Calogero, dal 30 maggio al 5 novembre 2017, ha come nobile obiettivo quello di sostenere il territorio marchigiano ferito dall’ultimo sisma che ha devastato il Centro Italia (da cui provengono le opere in mostra a Nicosia) e finanziare il restauro di un’opera del territorio ascolano danneggiata dal terremoto. La mostra è curata da Stefano Papetti, direttore della Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno e Antonio D’Amico, ideatore del progetto.
Dalla Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno, dopo essere stata a Montréal e New York, l’Annunciazione dipinta da Guido Reni arriva per la prima volta in Sicilia a Nicosia.
Un capolavoro assoluto dell’arte del Seicento, da tutti i virtuosi ammirata per una delle più belle, se non la più bella delle sue bellissime dipinture, come attestano le fonti antiche, approda nel cuore della Sicilia e diventa testimonial del patrimonio artistico marchigiano colpito dal sisma con la mostra Guido Reni e la magnificente bellezza.
Capolavori da Ascoli Piceno, promossa dal Comune di Nicosia, insieme alla Pro Loco, alla Confcommercio, alla Diocesi di Nicosia e alla Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno e a cura di Stefano Papetti, direttore della Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno, e Antonio D’Amico, ideatore del progetto. L’obiettivo della mostra è quello di sostenere il territorio marchigiano
ferito dall’ultimo sisma, che ha devastato il centro Italia, e finanziare il restauro di un’opera del territorio ascolano danneggiata dal terremoto.
La somma bellezza dell’arte senza tempo di Guido Reni approda a Nicosia insieme ad altre due tele pendant del caravaggesco Giacinto Brandi con il Beato Bernardo Abate e San Benedetto Abate, provenienti dalla chiesa ascolana di Sant’Angelo Magno, da dove sono state rimosse in seguito ai danni riportati dal terremoto del 30 ottobre 2016. Le opere marchigiane trovano una location d’eccezione all’interno della Chiesa di San Calogero, un gioiello da riscoprire del barocco siciliano edificato alla fine del Seicento dalla Confraternita di Santa Maria degli agonizzanti.
L’Annunciazione di Guido Reni non arriva a caso a Nicosia dove vi è una presenza affascinante di opere del Seicento come quelle di Jusepe de Ribera detto lo Spagnoletto, Pietro Novelli detto il Monrealese e Salvador Rosa, custodite nella Cattedrale, ma anche gli straordinari affreschi che il fiammingo Guglielmo Borremans lascia nella chiesa di San Vincenzo agli inizi del Settecento, così come non del tutto secondaria è la presenza di copie di buona fattura che ricalcano composizioni di artisti bolognesi quali Domenichino e per l’appunto Guido Reni, la cui fama si estende in tutta la penisola. Nell’Annunciazione è straordinario ammirare una resa del ‘vero’ di sommo effetto che si riscontra nella cura dei dettagli e nell’attenzione ai valori ‘tattili’ espressi nella meticolosa trascrizione pittorica dei gioielli che ornano la veste dell’angelo annunciante, dei morbidi capelli, delle stoffe e dell’atmosfera del paesaggio che si apre al centro della scena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.