Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Nasconde la cocaina in casa, arrestato dai carabinieri

Angelo Conti

A mettere i carabinieri sull’avviso è stato il rifiuto di aprire la porta di casa. E così, quando hanno visto il 23enne Angelo Conti gettare dalla finestra un bilancino e un sacchetto con dentro, come poi si è scoperto, della cocaina, non hanno avuto più dubbi e lo hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il fatto risale a ieri sera, quando intorno alle 22 i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Messina Sud insieme ai colleghi della Stazione di Bordonaro e del Nucleo Radiomobile di Messina hanno deciso di perquisire l’abitazione di Conti in contrada Fucile.

“Il giovane -spiegano dal Comando- avendo

notato la presenza dei carabinieri all’esterno della propria abitazione, si è rifiutato di aprire la porta d’ingresso, facendo quindi sorgere i primi sospetti sul fatto che potesse detenere qualcosa di illegale.

A quel punto, è stata circondata l’intera area per monitorare ogni potenziale via di fuga e infatti poco dopo si è visto il Conti avvicinarsi alla finestra posta sul retro dell’abitazione intento a gettare un bilancino di precisione e un sacchetto in plastica trasparente contenente una polverina di colore bianca che dai successivi accertamenti è risultata essere sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso complessivo di 27 grammi”.

A quel punto è scattata la perquisizione all’interno dell’abitazione e alla luce di quanto avvenuto si è proceduto con l’arresto e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria Angelo Conti è stato trasferito nel carcere di Messina Gazzi.

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.