Musicisti internazionali per il Messina Sea Jazz Festival 2014

Paolo Fresu, Franco Cerri, Enrico Intra e lo Stjepko Gut Quintet. E ancora: Maria Pia De Vito, Fabio Concato e Fabrizio Bosso. Sono i musicisti di fama internazionale che animeranno la seconda edizione del Messina Sea Jazz Festival, che si terrà dal 16 al 22 luglio all’ex Irrera a Mare.

Fortemente voluta non solo dal direttore artistico Giovanni Mazzarino e dal direttore organizzativo Lello Manfredi, ma anche dal rettore dell’Università di Messina Pietro Navarra, che ha messo a disposizione spazi e uomini per coniugare formazione e musica. Perché ancora una volta il Messina Sea Jazz Festival non offrirà solo il doppio concerto serale e l’open jam notturna, ma anche i seminari di formazione per gli studenti, tantissimi, che parteciperanno ai seminari a Villa Pace.

“In 5 giorni offriremo 45 concerti -ha spiegato Manfredi durante la conferenza stampa di presentazione. La maggior parte dei quali saranno gratuiti, a partire dagli appuntamenti delle 13 e delle 19. Il nome di questa kermesse dice tutto, perché la identifica con Messina. Questo non è solo un festival del jazz, ma è il festival della città”.

“Dopo il coinvolgimento dell’anno scorso -ha spiegato il rettore Navarra- l’edizione 2014 vede una nostra partecipazione ancora maggiore e che guarda al futuro. C’è un legame che collega il festival con diversi dipartimenti del nostro ateneo e il carattere internazionale

del festival consente di portare il nome di Messina nel mondo”.

Gli studenti dell’Università di Messina accederanno gratuitamente ai concerti e la kermesse si aprirà il 15 luglio alle 18 con un grande evento proprio nel cortile del rettorato aperto alla città.

“Quando ero studente sognavo di poter organizzare concerti sulla scalinata del rettorato -spiega il maestro Giovanni Mazzarino, musicista di fama internazionale- e adesso tutto ciò si è avverato. Il format del MSJ Festival è didattico-concertistico e l’università di Messina ha colto appieno la grande opportunità che si può offrire ai ragazzi, formandoli e contemporaneamente mettendoli a contatto con grandi musicisti.

Ma abbiamo anche voluto dare un’opportunità agli studenti che già hanno delle competenze, permettendo loro di suonare nei concerti delle 13 e delle 19 che si terranno al Sottovento. In ogni caso, il filo conduttore di queste serate è la progettualità artistica. Il jazz è musica a 360°, è la musica del XX secolo e all’interno di questo linguaggio (che deve molto, se non tutto, ai musicisti siciliani, neri ed ebrei) i grandi artisti propongono la propria musica all’interno di progetti ben definiti. In definitiva, il Messina Sea Jazz Festival è un tributo alla musica del secolo scorso”.

Tra gli eventi collegati al MSJ Festival, la commemorazione del commissario Giuliano organizzata dalla Questura di Messina, che vedrà la consegna del premio Giorgio Boris Giuliano 2014 a Franco Cerri ed Enrico Intra, definiti ambasciatori nel mondo dei valori della vita contro ogni violenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *