Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Musica. Il ritorno della pianista Sofia Vasheruk per “Amare Chopin”

PALERMO. Quarto appuntamento per Amare Chopin, il progetto invernale di Palermo Classica che propone l’intera letteratura di Fryderyk Chopin per pianoforte, affidata a giovani promesse internazionali. C’è stato finora un volto che non è mai mancato dai programmi di Palermo Classica, ed è quello della bionda pianista russa Sofia Vasheruk, particolarmente amata dagli spettatori per la sua grazia e il virtuosismo delle esecuzioni. Sofia Vasheruk si esibirà il 26 dicembre alle 21 nell’ex chiesa di San Mattia ai Crociferi, alla Kalsa. La russa si dedicherà a due Notturni – Op.15, n.1-2-3 / Op.37, n.1-2 – e alcune Ballade – Op.23, n.1 / Op.47, n.3 / Op.38, n.2 / Op.52, n.4 – che metteranno alla prova la sua versatilità di grande figlia d’arte (il padre è il compositore e direttore Ilja Vasheruk). Biglietti: 14,50/8 euro. Il programma di Amare Chopin si fermerà poi per le vacanze natalizie e riprenderà il 6 gennaio con l’atteso concerto della pianista cinese, naturalizzata americana, Reza Han reduce da uno straordinario successo la scorsa estate.

Sofia Vasheruk è moscovita e suona il piano da quando aveva 4 anni, mentre a 6 è già sul palco in Germania, come pianista solista e accompagnatrice del coro. Vince il terzo premio all’International Piano Competition a Enschede (Olanda) nel 2003 e nello stesso anno viene proclamata vincitrice della National Competition/Festival of the Romantic Music For Young Musicians, a Mosca. Nel maggio del 2010 arriva in semifinale al Queen Elisabeth Piano Competition a Bruxelles. Pochi mesi dopo conquista il Gran Prix alla quarta edizione dell’André Dumortier International Piano Competition in Belgio insieme ad un riconoscimento speciale per brani contemporanei “Espace Oniriques II” di Jean Pierre Deleuze, scritto internazionalmente per questa occasione. Nel 2012 Sofia completa con gran successo i suoi studi all’Artez Conservatory Enschede (prof. M. Markov) ottenendo il massimo dei voti (10 of 10). Si aggiudica il terzo premio alla Dutch National Piano Competition “Young Pianist Foundation” di Amsterdam, con una performance su Tchaikovsky, diretta da Stefan Asbury. Nell’agosto 2014 Sofia si laurea all’Artez Conservatory, concludendo il Master di specializzazione “Cum Laude”. Nei suoi progetti futuri, c’è una tournée autunnale in Bulgaria e il ritorno sui palcoscenici di Mosca.