Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

“Musica nomade” all’Horcynus Orca con Francesco Cafiso e Mauro Schiavone

Francesco Cafiso
Francesco Cafiso

Secondo appuntamento della rassegna Musica nomade al Parco Horcynus Orca di Messina questa sera alle 21 con Francesco Cafiso.

Ma oltre alla musica dell’enfant prodige del jazz italiano, in omaggio al concerto-evento del grande sassofonista, che suonerà in duo con Mauro Schiavone al piano, è stata allestita anche la mostra fotografica “Sax & more” di Gianfranco Ferlito.

L’esposizione arricchisce ulteriormente la rassegna “Musica nomade – Festival delle musiche contemporanee del Mediterraneo” diretta da Giacomo Farina e organizzata dalla Fondazione Horcynus Orca in collaborazione con Talento Dinamico. 

Francesco Cafiso è stato insignito nel 2014 a New York del Grand Awards of Merit dell’American Society of the Italian Legions of Merit per il contributo dato allo sviluppo e alla diffusione del jazz nel mondo.

Dopo la serata musicale sarà inoltre possibile cenare con gli artisti. Oggi, venerdì 27 marzo, si potranno visitare gratuitamente tra le 17 e le 20 le sale della Torre degli Inglesi, dedicate ad alcuni artisti presenti nel Fondo d’Arte Contemporanea Mediterranea della Fondazione (nucleo del nascente museo Macho).

Musica nomade, rassegna che fa parte della stagione lunga dell’Horcynus, proseguirà il 30 aprile con Francesco Buzzurro, il più apprezzato chitarrista jazz siciliano, mentre il 16 maggio sarà la volta del progetto Percolator, in bilico tra etnica e musica elettronica, presentato da Melo Mafali e Antonio Oliva. La rassegna si concluderà il 22 maggio con il duo Dario Deidda e Giovanni Amato, basso e tromba in chiave jazz.

Lovano
Joe Lovano

Giancarlo Ferlito, nato a Messina nel 1959, si appassiona di fotografia sin da ragazzo. A 16 anni acquista la sua prima reflex ed appronta la sua prima camera oscura e inizia a seguire i concerti di musica jazz. Da allora comincia la costruzione di quello che diventerà uno straordinario archivio fotografico di concerti e festival jazz, soprattutto nel Sud Italia.

Ma al contempo si dedica alle foto in b&w di antichi mestieri, del mondo agro-pastorale, degli antichi borghi meridionali, delle feste tradizionali. Inizia anche a raccogliere reportage dei suoi viaggi su diapositive, con particolare attenzione ai paesi del Mediterraneo. Partecipa inoltre, come operatore video, alla realizzazione di numerosi documentari di vario genere.

Sue immagini sono apparse e appaiono su quotidiani, periodici, riviste specializzate e spesso sono utilizzate per booklet e copertine di cd. 

Francesco Cafiso è uno dei talenti più precoci nella storia del jazz. Già a nove anni muove i primi passi facendo esperienze con musicisti di fama internazionale quali Bob Mintzer, Maria Schneider, George Gruntz, Gianni Basso e molti altri. Decisivo per la sua carriera è l’incontro, nel luglio del 2002, durante il Pescara Jazz Festival, con Wynton Marsalis che, stupito dalle sue qualità musicali, lo porta con sé nell’European tour del 2003.

Da allora, Francesco Cafiso ha suonato nei Jazz Festival e nei Jazz Club più importanti del mondo. Ha vinto diversi premi prestigiosi, tra i quali il Premio Nazionale Massimo Urbani a Urbisaglia, il premio EuroJazz a Lecco, l’International Jazz Festivals Organization Award a New York, la World Saxophone Competition a Londra, il Django d’Or a Roma e ricevuto molti altri importanti riconoscimenti.

Per migliorare l’inglese, ma soprattutto per fare esperienze di ascolto di nuovi generi e stili musicali, è stato a New Orleans, dove ha suonato con Ellis Marsalis, Jason Marsalis, Thadeus Richard, Bob Franch, Maurice Brown e con molti altri importanti musicisti del luogo ricevendo, contemporaneamente, delle speciali lezioni da Alvin Batiste.

Nel 2004 ha partecipato come ospite al Festival di Sanremo. Nel 2005 lo Swing Journal, l’autorevole rivista giapponese di musica jazz, gli ha conferito il New Star Award, premio riservato ai talenti stranieri emergenti e subito dopo si è affermato nel Top Jazz, referendum della rivista italiana Musica Jazz, che lo ha riconosciuto miglior nuovo talento dell’anno.

Ha suonato con grandissimi musicisti quali Hank Jones, Cedar Walton, Dave Brubeck, Mulgrew Miller, Ronnie Matthews, Jimmy Cobb, Ben Riley, Ray Drummond, Reggie Johnson, Doug Sides, Lewis Nash, James Williams, Joe Lovano, George Mraz, Joe Locke, Adam Nussbaum, Enrico Rava, Dado Moroni, Franco D’Andrea, Franco Cerri, Stefano Bollani, Fabrizio Bosso e moltissimi altri italiani e americani.

Ha fatto anche esperienze in altri ambiti musicali suonando con Lorenzo Jovanotti, Raphael Gualazzi, Fabio Concato, Antonella Ruggiero. Dopo il Diploma di laurea di I livello in Flauto Traverso conseguito nel 2006 presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali V. Bellini di Catania, nel 2010 ha ottenuto la laurea specialistica di II livello in Jazz presso il Conservatorio Corelli di Messina.

Dal 2008 è direttore artistico del Vittoria Jazz Festival a Vittoria, sua città natale. Il 19 gennaio del 2009 ha suonato a Washington DC durante i festeggiamenti in onore del Presidente Barak Obama e del Martin Luther King Jr. day. Il 17 luglio del 2009, Umbria Jazz lo ha nominato “ambasciatore della musica jazz italiana nel mondo. Nel 2012 ha arrangiato “Don’t Stop”, la musica di sottofondo dell’attuale spot pubblicitario di ENI Station.

Shepp
Archie Shepp

A luglio del 2012, in occasione dei Giochi Olimpici, è stato invitato a esibirsi a Londra, presso la sede di Casa Italia, alla presenza dell’Ambasciatore italiano a Londra e dei vertici del CONI. A settembre dello stesso anno, durante una lunga permanenza negli Stati Uniti, ha tenuto una serie di masterclass di sassofono alla UPenn, la prestigiosa università di Filadelfia.

Nel mese di giugno 2013, per volontà del ministero degli Esteri ed espressa scelta del Console Generale di Philadelphia, in collaborazione con il Segretario di Stato Americano John Kerry, Cafiso è stato scelto per rappresentare l’Italia e suonare nell’ambito dei festeggiamenti per l’Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti. Il 20 febbraio 2014, a New York, ha ricevuto dall’American Society of the Italian Legions of Merit il «Grand Awards of Merit», per il contributo che Francesco ha dato, in rappresentanza dei musicisti siciliani, allo sviluppo e alla diffusione del jazz nel mondo.

Per informazioni: Fondazione Horcynus Orca – Parco Horcynus Orca, Capo Peloro, Messina.

info@horcynusorca.it – tel. 090-325236