Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Muos di Niscemi, Crocetta blocca i lavori

Il presidente della Regione Rosario Crocetta

La questione del Muos continua ad agitare il clima siciliano. Senza avvertire il governo nazionale, ieri il presidente della Regione Sicilia Crocetta ha bloccato i lavori di realizzazione del Muos, la stazione satellitare della Marina Usa a Niscemi, in provincia di Caltanissetta, progettata per rendere più rapidi e integrati gli scambi di informazioni dell’esercito americano.

La sospensione delle autorizzazioni è arrivata dopo le proteste scoppiate nella notte tra i militanti del “No Muos” e le forze dell’ordine. La decisione di Crocetta non è però solo una risposta agli scontri. Sono i rischi per la salute degli abitanti delle zone limitrofe a preoccupare il presidente della Regione, che in merito ha citato lo studio sulla Salute spiegando che ”è stato predisposto da uno studio di Ingegneria che non mi sembra che sia autorizzato ad emettere parerei sanitari. Inoltre, non ha presentato lo studio sull’impatto che può avere sulla navigazione aerea del vicino aeroporto”.

Crocetta ha continuato spiegando che “non esiste alcuno strumento di monitoraggio di emissioni elettromagnetiche, contestualmente chi autorizzava doveva dotare il territorio di strumenti adeguate, pagati dalla Marina degli Stati Uniti. Se le antenne si fanno funzionare tutte insieme potrebbero costituire un grave pericolo per la salute”.

Non temendo incidenti diplomatici Crocetta è andato

avanti nell’esporre i suoi dubbi e chiedendo alla Marina Usa di fornire tutti gli studi necessari. La Marina Usa ha lasciato i commenti al Ministero della Difesa in quanto le basi militari statunitensi sono situate all’interno di quelle italiane.

Come ha spiegato lui stesso, nei giorni passati Crocetta aveva incontrato alcuni diplomatici Usa nell’ambasciata americana invitandoli a non accelerare i lavori e a procedere con prudenza. Mercoledì l’Ars aveva approvato all’unanimità la mozione del Pd che impegnava il governo regionale, l’assessorato al Territorio e l’assessorato alla Salute a revocare le autorizzazioni per la realizzazione del Muos a Niscemi.

Il MUOS di Niscemi

Vari i membri del Pd che hanno espresso supporto ai manifestanti e alla decisione di blocco dei lavori, tra questi il Senatore Lumia e Pino Apprendi, candidato nella lista del Pd al Senato in Sicilia.

Contrario invece D’Alia (Udc) che si è posizionato sulla linea espressa dal Ministro degli Interni Cancellieri, che nei giorni scorsi aveva inviato una nota alla Regione siciliana sostenendo che la zona di Niscemi è area strategica. D’Alia ha chiarito: ”Sul Muos noi siamo con il ministro Cancellieri. Non da oggi e non per calcolo elettorale”.

In serata è arrivata una nota dell’Ambasciata USA: ”L’Italia, in quanto membro della Nato e partner importante per la sicurezza e la pace a livello internazionale, così come gli altri membri dell’Alleanza, trarrà beneficio dal Muos a sostegno delle operazioni Nato”.

Valentina Guerrera

Siciliana trapiantata a Roma da un po’ di anni. Si occupa di comunicazione, in particolare ufficio stampa e digital pr, in ambito istituzionale e politico. La passione per la sua terra e per il buon cibo l'ha portata a creare, in società, "Agromobile - La mappa del gusto", un portale per scoprire la Sicilia attraverso le sue eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche. Divoratrice di libri, instancabile praticante di yoga e viaggiatrice quanto più possibile. Per Sicilians segue da Roma i politici locali.