Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Morte di Lorenza Famularo, Razza assicura: “Più medici per l’ospedale di Lipari”

MESSINA. Assicura che la Regione farà quanto nelle sue possibilità per migliorare la situazione nell’ospedale di Lipari. Questo, in sintesi, quanto dichiarato dall’ assessore regionale alla Salute Ruggero Razza giunto a Lipari insieme alla collega Bernadette Grasso e al direttore generale dell’ASP di Messina Paolo La Paglia in seguito alla dura protesta scatenatasi nell’isola dopo la morte della 22enne Lorenza Famularo. La ragazza era deceduta il 23 agosto scorso all’ospedale di Lipari dove subito dopo non solo familiari e amici, ma anche  molti abitanti dell’isola, avevano dato il via a un presidio all’interno del nosocomio. Indignati per l’accaduto  e seriamente preoccupati per lo stato della Sanità  nell’isola e più in generale nelle Eolie, avevano dato vita al Comitato “Io sono Lorenza” e richiesto a gran voce la presenza dello Stato.  “Sono qui per migliorare la situazione all’ospedale di Lipari – ha affermato Razza. A partire dal potenziamento dell’organico dei medici. C’è la volontà politica di rendere meno disagiata questa struttura. Un primo provvedimento lo abbiamo preso e riguarda il contributo per le partorienti delle isole minori siciliane. Per la riapertura del punto nascite non dipende da noi ma dal Governo nazionale. Faremo delle valutazioni con il Ministero della Salute perché queste sono zone disagiate e deve essere riconosciuto il diritto alla salute. La presenza dei medici dovrà essere garantita”. Molti ancora gli interrogativi sulla morte di Lorenza. Dall’autopsia era emerso infatti che potrebbe essere morta a causa di un’embolia polmonare dopo essere arrivata al Pronto soccorso lamentando forti dolori alla schiena e al torace ed essere stata curata per dolori muscolari. Sulla vicenda indaga la Procura della Republica di Barcellona Pozzo di Gotto, mentre un infermiere del nosocomio ha già ricevuto un provvedimento disciplinare. Oggi, frattanto, sono in corso audizioni da parte del Ministero della Salute e della Commissione Sanità dell’Assemblea regionale Siciliana.

L’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza