Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Milazzo. Violenza sessuale su una bambina di 10 anni, arrestato pensionato

 

Ancora un caso di violenza sessuale su un minore, questa volta la vittima è una bambina di 10 anni e l’orco è un pensionato di 78 anni. I militari della Compagnia Carabinieri di Milazzo hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misura cautelare personale emessa dal Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto – Ufficio GIP su richiesta della Procura della Repubblica guidata dal Procuratore Capo Emanuele Crescenti per il reato di violenza sessuale su un minorenne. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Federica Paiola, sono state avviate dopo la denuncia presentata a fine ottobre 2016, quando la vittima, una bambina di 10 anni, si trovava in Italia con la famiglia per trascorrere un breve periodo di vacanza.

In particolare, nel corso del soggiorno sull’isola di Stromboli la piccola è stata avvicinata da un uomo anziano, F.F. classe 1939, che dopo averla salutata le ha infilato la mano sotto il vestitino che indossava, sfiorandole l’abbigliamento intimo. La

ragazzina, in preda alla paura, è riuscita a fuggire e ha raccontato tutto alla famiglia e alla guida turistica. Subito è stata presentata una denuncia ai Carabinieri della stazione di Stromboli. I militari, immediatamente accorsi sul luogo, hanno cominciato le fasi del sopralluogo con l’identificazione dei presenti e la raccolta dei primi elementi investigativi. Intanto, la bambina e la sua famigliasono ritornate in Gran Bretagna, ma le indagini condotte attraverso metodi tradizionali, tra informazioni testimoniali, sopralluoghi e attraverso anche la collaborazione con la polizia inglese delegata all’ascolto della persona offesa, sono riuscite a far luce sull’intero episodio.

Elemento chiave nelle indagini è stato il narrato che ha fornito la bambina, che ha riferito la drammatica esperienza in modo preciso e dettagliato, senza una minima contraddizione, con una descrizione del tutto coerente con la versione dei fatti ricostruita dagli inquirenti. L’uomo, dopo essere stato rintracciato sull’isola di Lipari, è stato condotto in caserma dove è stato sottoposto a rilievi dattiloscopici e ricondotto sull’isola di Stromboli per essere posto agli arresti domiciliari in attesa dell’iter giudiziario.