Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Milazzo – Troppi incidenti a Ponente, la consigliera Bambaci chiede tempestivi interventi di messa in sicurezza

Troppi incidenti a Ponente, alcuni anche mortali. Una strada dove si rischia giornalmente la vita per diversi fattori, in primis quello dell’alta velocità. Ed è per questo che la consigliera Fabiana Bambaci ha sollecitato iniziative per scongiurare il ripetersi di gravi incidenti lungo la litoranea di ponente dove gli automobilisti procedono a forte velocità
La rappresentante  del “Gruppo Innamorati della mia città” – afferma che  ” non possiamo rimandare il problema   sulla sicurezza dei cittadini , pedoni,  automobilisti e ciclisti che percorrono il  nostro lungomare di Ponente e l’intera strada di percorrenza, sempre trafficata, ancor di più nel presente periodo balneare, è ormai quasi quotidianamente teatro di incidenti, persino molto gravi, l’ultimo verificatosi nella giornata di domenica alle 17,20 circa, dinanzi ai miei
occhi”
Purtroppo – rimarca “l’assenza di semafori, dissuasori ed ogni altro arredo urbano atto a disciplinare il flusso del traffico, fa sì che il litorale venga considerato da molti utenti come una sorta di pista automobilistica”.
La vita e la sicurezza viene prima di tutto! In una strada che , purtroppo ha un triste primato di incidenti anche mortali , non a caso è stata definita “la strada delle morte”
Anche se si parla di un tratto di proprietà dell’ormai ex Provincia di Messina, oggi Città Metropolitana, vi è costantemente una delega ai vari Enti Locali per la cura della materia.
Considerando che a breve verrà portato in Consiglio il Piano Urbano del Traffico si auspica che siano stati presi in considerazione interventi per questo tratto stradale.” Si deve intervenire, e pure in fretta”.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.