Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Milazzo. Botte da orbi tra vicini: sette arresti in via Regis

carabinieri milazzoA provocare la violenta rissa di ieri in via Regis sarebbero stati dei vecchi dissapori legati a questioni legali e giudiziarie, che vedono alcuni componenti delle due famiglie già contrapposti in tribunale. Cinque su sette degli arrestati hanno precedenti.

Si tratta di Saverio Buta (milazzese, 1964, disoccupato, già noto alle forze dell’ordine), Francesco Buta (milazzese, 1987, disoccupato, già noto alle forze dell’ordine), Grazia Mazza (barcellonese, 1968, casalinga, già nota alle forze dell’ordine), Tania Tindara Sottile (milazzese, 1984, disoccupata, già nota alle forze dell’ordine), Marika Sottile (San Filippo del Mela, 1980), Patrizia Vitale (milazzese, 1957, operaia, già nota alle forze dell’ordine) e Aldo Vitale (milazzese, 1961).

La maggior parte delle sette persone che ieri sono state arrestate sono vicini di casa e abitano in via Regis a Milazzo, strada che è diventata teatro della rissa senza esclusioni di colpi e dove le donne hanno avuto un ruolo attivo e determinante, dimostrando particolare violenza e irrefrenabile ira.

Una di loro, nel corso delle colluttazioni, ha persino afferrato un mattone per colpire un’altra donna e ci è mancato poco che la rissa finisse in tragedia.

Via Regis, teatro della rissa
Via Regis, teatro della rissa

A intervenire i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Milazzo agli ordini del maresciallo Rocco Fleres insieme agli uomini della Stazione di Milazzo e agli agenti del commissariato di Polizia, che hanno faticato non poco per sedare la violenta lite.

Ad attirare l’attenzione di una pattuglia del Nucleo Radiomobile le forti urla di alcune donne che erano venute alle mani. Con l’intervento dei militari la situazione sembrava essersi calmata. Poi improvvisamente, con il ritorno di altri contendenti che precedentemente si erano allontanati, sotto gli occhi dei militari dell’Arma si è scatenata una vera e propria rissa senza esclusione di colpi, che ha visto coinvolti 3 uomini e 4 donne.

Nonostante la presenza dei carabinieri i 7 hanno continuato a offendersi e a colpirsi a vicenda, rendendo necessario l’intervento di una pattuglia del commissariato di Polizia di Milazzo e un’altra dei militari della Stazione mamertina. Sul posto anche un’ambulanza, perché tutti i litiganti hanno riportato contusioni ed escoriazioni varie, con prognosi comprese tra i 3 e i 7 giorni.

I sette sono stati arrestati in flagranza per i reati di rissa e lesioni e su disposizione del Procuratore Capo di Barcellona Emanuele Crescenti sono tutti ai domiciliari. (Foto da Google Maps)