Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Mi state tutti sul tacco. #almattinovidovetelavare!

Mariangela Donato bVi chiederei se avete mai notato gli odori dei luoghi che frequentate, ma credo che la risposta sia ovvia e netta. Quindi, con un sì deciso, vi immagino mentre annuite, facendo dondolare dall’alto al basso e viceversa il vostro capo.

Sfatiamo un mito. Non che tutta la pubblicità sia ingannevole, ma certo è che fare marketing è un mestiere e che dietro c’è tanto studio. Vorrei dunque dire ad alta voce, andando un po’ in contraddizione alla tipa che in TV alza le braccia al cielo esclamando ALTOLA’ AL SUDORE che la storia sul deodorante con effetto di durata 24 ore è una sòla e non solo!
Se al mattino sconoscete l’uso di detergenti e/o saponi ben mescolati all’acqua corrente, adagiati quindi sul vostro corpo
e poi rimossi sciacquando attentamente le zone trattate, risulterà inutile l’utilizzo del deo h24.
Sapete com’è, l’unione tra la carne e il pesce, tra il mare e la montagna, tra il dire ed il fare, tra ‘u ciauru e ‘u fetu. Tra l’altro, c’è chi ancora si ostina a non voler utilizzare la parola puzza, volendo convincere chi la utilizza che si dice cattivo odore.
Provo a convincere questa gente dicendo che ‘u fetu è fetu, che la giusta traduzione, letterale e che tra l’altro rende meglio l’idea non è cattivo odore ma è proprio puzza e che nel vocabolario questo termine c’è e significa: emanare cattivo odore, dar fastidio, insopportabile per l’olfatto.
Spero di essere stata chiara nel voler diffondere questo messaggio di generosità verso voi stessi, ma soprattutto d’altruismo nei confronti di chi vi sta accanto. Non vi mando i miei soliti baci a pioggia ma uso un hashtag per salutarvi ricordandovi quindi che #almattinovidovetelavare!

Mariangela Donato

Speaker radiofonica, blogger, conduttrice tv, mamma, portatrice sana di battute a raffica anche quando è giù di corda e chi più ne ha più ne metta, La Donato “viveur” è una messinese in fissa con il “savoir faire”. Su Sicilians scrive su abitudini e modi di fare soliti e insoliti, nostrani e non, prendendoli e prendendosi un po' in giro. La sua rubrica "Mi state tutti sul tacco" è la penna pettegola e pungente del nostro giornale.