Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Meteo in Sicilia. Fine settimana instabile e tipicamente invernale

(Foto Paolo Furrer)
(Foto Paolo Furrer)

La profonda depressione responsabile delle raffiche devastanti di grecale in Toscana non ha risparmiato nemmeno la Sicilia, per fortuna in modo marginale e ridotto visto che la nostra Regione non si trovava tra le isobare fitte e strette, causa dello scompenso pressorio e quindi dei relativi venti di tempesta.

Tuttavia piogge abbondanti si sono verificate sul settore centro-occidentale dell’Isola, in particolar modo su Nebrodi e Madonie e nel Palermitano, valevole per altro di un codice arancione di preallarme diffuso dalla sala operativa della Protezione Civile Regionale.

Nulla di preoccupante, anzi ordinaria amministrazione per una stagione invernale che per la nostra Isola si è rivelata intensa e dinamica, con svariate occasioni piovose e nevose in quota.

Anche marzo sta confermando questo trend e per tutta la prima decade del mese il clima in Sicilia continuerà a mostrare il carattere invernale, com’è giusto che sia e confermato anche dalla statistica regionale che vede proprio in marzo ancora concrete occasioni per il clima rigido.

Detto questo, la perturbazione continuerà a mantenersi attiva e vitale. Anzi, per molte aree finora scartate dalla depressione inizierà a piovere proprio nei prossimi giorni e per l’inizio della prossima settimana. Il vortice valicherà la Sicilia per portarsi sullo Ionio e questa posizione strategica sarà garanzia di clima instabile e moderatamente freddo.

Le aree più bagnate dalla pioggia saranno quelle del settore orientale. In particolar modo il basso versante ionico messinese, il catanese (aree pedemontane etnee in primis), ragusano e siracusano. Altrove, alternanza di annuvolamenti, schiarite momentanee e acquazzoni fugaci, in un contesto di estrema inaffidabilità.

Nota da segnalare il calo ulteriore delle temperature per l’inserimento a tutte le quote di correnti di tramontana e grecale dai Balcani. La quota neve si manterrà a cavallo dei mille metri di quota, con nuove nevicate sull’Etna e questo non farà che piacere a tutti gli operatori del settore e agli amanti di scii, snowboards e ciaspole.

Nessuna rimonta di aria calda per il lungo termine e possiamo asserire con relativa certezza che nuova aria fredda dai Balcani continuerà a fluire sull’Adriatico diretta verso il il Sud e la Sicilia, quindi con nuove occasioni piovose e temperature di qualche punto sotto media.