Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Meteo. Il ”forno Tirrenico” ha le ore contate: da domani venti da nord!

Due stazioni meteo che si riferiscono a Barcellona Pozzo di Gotto e Falcone, segnalano che queste località hanno stracciato di netto la soglia dei 40°C. Una temperatura pesantissima per l’organismo, peraltro accompagnata da venti torridi di caduta, dal fumo degli incendi, dal suono caotico dei motori dei canadair che fanno la spola tra le montagne e il mare. Scene già viste e riviste che hanno segnato negativamente questo inizio d’estate. Purtroppo molti ettari boschivi e di macchia mediterranea sono andati in fumo, altri subiranno lo stesso destino da qui a settembre e se non giungeranno piogge serie la siccità diverrà ancor più pesante. La grande richiesta di acqua di questi giorni e l’irrigazione dov’è possibile sta mettendo in seria discussione la disponibilità idrica anche per la nostra città, tanto che saranno necessarie delle turnazioni.

Attualmente Messina città segna una temperatura di 35°C in riva al mare (zona porto ) grazie alla ventilazione sostenuta da scirocco. Lo scirocco è divenuto teso già dalla tarda mattinata tanto che i capobarca delle principali feluche hanno optato per portare le imbarcazioni dentro il porto storico di Messina. Finché la ventilazione favorisce la città dello Stretto i possibili 40°C sono scongiurati.

Per fortuna tutto questo avrà le ore contate perché già da domani, sabato 1 luglio, la ventilazione da nord scaccerà gradualmente la lingua di fuoco sahariana. Nello Stretto di Messina assisteremo a dei colpi di vento non indifferenti da nord e nord est tale da renderlo rapidamente molto mosso con creste spumeggianti, mentre nel Tirreno sarà il maestrale a dettare legge. Come accade dopo ogni avvezione nord africana, sui Peloritani compariranno nubi basse e dense, segno che sta per giungere aria fresca oceanica. Il maestrale sarà più teso e fresco soprattutto domenica 2 quando non escludiamo nel mattino anche qualche locale rovescio o acquazzone tra Mortelle, Capo Peloro e il settore nord dello Stretto verso la Calabria. Si tratterà comunque di roba fugace e localizzata. Temperature in ulteriore calo. Mar Tirreno molto mosso con modo ondoso in sensibile aumento. Maestrale residuo e clima gradevole lunedì 3, ma nel corso della settimana si ripristineranno le condizioni stabili ed estive.

Autore: Salvatore Filloramo
Fonte: Stretto Meteo