#Meteo. In arrivo nel pomeriggio un’ondata di violento maltempo

Allerta meteo mare 2Le analisi degli ultimi aggiornamenti modellistici confermano una possibile intensa e rapida sfuriata di maltempo in Sicilia e Sud Italia in genere, con inizio dal pomeriggio e che potrebbe protrarsi fin verso sera e notte. I vari parametri analizzati mettono in risalto un po’ di preoccupazione in merito a manifestazioni temporalesche avverse, che sarebbero generate da diversi fattori meteorologici. Per quanto riguarda la Sicilia, le zone a maggior rischio dei fenomeni violenti sarebbero tutte quelle che affacciano nel comparto tra i Nebroidi e le Madonie, area tirrenica centro/occidentali sicule e arcipelago eoliano.

In questi casi diventa molto difficile elaborare delle aree a rischio maltempo severo, perché si ha a che fare con sistemi temporaleschi che nascono in una zona vasta che coincide come detto ad elevati parametri temporaleschi, favorevoli a eventi anche localmente intensi. Ne abbiamo visto degli anticipi ieri nei pressi di Roma, dove dei tornado hanno prodotto distruzione, con morti e feriti.

300w, http://www.strettometeo.it/wp-content/uploads/2016/11/14915130_10211220459887985_2829988271269427369_n-150x150.jpg 150w, http://www.strettometeo.it/wp-content/uploads/2016/11/14915130_10211220459887985_2829988271269427369_n.jpg 336w" alt="14915130_10211220459887985_2829988271269427369_n" width="300" height="300" />

Le carte sono preoccupanti soprattutto per l’area tirrenica rasente la Sicilia. Dal pomeriggio si dovrebbero attivare delle celle temporalesche di tipo anche mesociclonico in spostamento attorno una traiettoria da Sud-Ovest verso Nord-Est, che al loro interno potrebbero anche produrre intense raffiche di vento o grandinate anche di medio-grossa taglia.

Nella cartina allegata del valore di un parametro meteorologico, uno dei tanti favorevoli, che evidenzia la possibilità dell’aria a propender a invorticarsi. I colori tendenti al rosso e nero evidenziano aree a maggior rischio, ma come detto sono fenomeni di impossibile localizzazione e andrà seguito il tutto in sede di nowcasting, cioè in presa diretta con le immagini satellitari e del radar della protezione civile.

Sulla carta il settore ionico dovrebbe esser meno esposto a questo tipo di rischi, anche se va detto che locali piogge o isolati temporali potrebbero colpire a macchia di leopardo tutta l’isola. I venti saranno in notevole rinforzo entro sera a rotazione ciclonica e i mari tenderanno a essere mossi o molto mossi tutti, sia il tirreno che lo Ionio.

Giovanni Micalizzi per Strettometeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *