#Messina. Via libera al Bilancio di Previsione 2016

Bilancio 2A tre mesi dalla fine dell’anno la Giunta Accorinti è riuscita a varare il Bilancio di Previsione 2016. Una consuetudine, quella di presentare i documenti economico-finanziari con grande ritardo, che per l’ guidato dal sindaco scalzo sembra ormai essere la regola. Dopo il Conto Consuntivo 2015 e la rimodulazione del decennale Piano di Riequilibrio, ieri sera è stato dato il via libera al Previsionale 2016. Con quali esiti non è dato ancora saperlo. Intanto domani pomeriggio alle 16 in Commissione Bilancio si discuterà del Piano di Riequilibrio, anche se ci arriverà privo del parere del Collegio dei Revisori dei Conti. “Tre documenti di questa valenza esitati dall’ nel giro di pochi giorni, nessuno dei quali è ancora arrivato in Aula -commenta Daniela Faranda,

capogruppo NCD. Secondo la Giunta dovremmo esaminare e decidere come votare tutto entro il 30 settembre, che è il limite ultimo fissato per Previsionale e PR.

Non è accettabile che trattino il Consiglio comunale in questo modo. Ci sono troppi passaggi ancora da chiarire, soprattutto nel Piano di Riequilibrio, che difficilmente riuscirà a passare. Hanno inserito i debiti fuori bilancio che non sono ancora stati approvati, come la Corte dei Conti ha fatto notare più volte, ma solo perché noi non li abbiamo mai visti. E comunque, inserire delle transazioni non ancora concordate ma solo ipotizzate mi sembra alquanto rischioso”.

Insomma, ancora una volta il Consiglio comunale sarà obbligato a votare all’ultimo minuto Bilanci e Piano di Riequilibrio, anche se ogni volta è sempre più difficile trovare delle stampelle alla gestione economica dell’amministrazione Accorinti. Al momento, la sola certezza è che ci sono  548 milioni 939.301, 88 euro di debiti e che non è chiaro come e se la città riuscirà a pagarli.


Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.