#Messina. Truffa a Pettineo, sequestro di beni a Francesco Votrico

Francesco Votrico
Francesco Votrico

PETTINEO Dopo le manette il sequestro dei beni. Il 14 gennaio dell’anno scorso Francesco Votrico (responsabile dell’Area Economica del Comune di Pettineo) e il figlio Salvatore furono arrestati con l’accusa di peculato e falso.

Ieri, i carabinieri della Stazione di Pettineo e del NORM della Compagnia di Mistretta hanno eseguito il sequestro conservativo a favore del Comune di Pettineo di 3 e 6 terreni del valore complessivo di 518 mila euro di proprietà di Francesco Votrico (Palermo, 17 marzo 1953), attualmente detenuto nel carcere di Giarre,

in provincia di Catania.

L’ è stato indagato dalla Procura della Repubblica di Patti perché tra il 2008 e il 2013, in qualità di responsabile dell’Area Economico-Finanziaria del Comune di Pettineo, aveva firmato 73 mandati di pagamento per oltre 380 mila euro con le relative quietanze, per lavori e forniture di beni e servizi all’ente mai effettuati.

Le somme indebitamente percepite finivano nel suo conto corrente e in quello del figlio, che finì agli arresti domiciliari.

La truffa venne allo scoperto alla fine del 2013, quando il sindaco denunciò un’inspiegabile dissesto economico delle casse comunali, che impediva persino il pagamento degli stipendi ai dipendenti.

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.