Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Torna l’inciviltà sulle mura cinquecentesche di via Portalegni

Fotogallery Paolo Furrer

Per decenni è stato un ricettacolo di ogni immondizia, con i sacchetti di rifiuti gettati direttamente dalle finestre e lasciati in bella vista lungo il crinale adiacente le mura cinquecentesche in via Portalegni, una traversa della via Tommaso Cannizzaro alta.

Poi, alcuni anni fa, intervenne MessinAmbiente e per un po’ nessuno deturpò più quel piccolissimo spazio, che per quanto incolto e non accessibile è pur sempre un’area verde.

Adesso, alcuni incivili che abitano nelle case costruite sulla cinta muraria e alle quali si accede dalla Scalinata Santa Barbara, hanno ricominciato.

A segnalarcelo un nostro lettore, che commenta indignato: “La spazzatura può essere gettata là solo da quelle case. Ma ci vuole tanto a mettere una telecamera e individuare i responsabili di questa inciviltà?”.

Giriamo la domanda al sindaco di Messina Renato Accorinti, all’assessore all’Ambiente Daniele Ialacqua e al commissario liquidatore di MessinAmbiente Alessio Ciacci.

 

#Messina. Torna l’inciviltà sulle mura cinquecentesche di via Portalegni
#Messina. Torna l’inciviltà sulle mura cinquecentesche di via Portalegni
#Messina. Torna l’inciviltà sulle mura cinquecentesche di via Portalegni
#Messina. Torna l’inciviltà sulle mura cinquecentesche di via Portalegni
#Messina. Torna l’inciviltà sulle mura cinquecentesche di via Portalegni
#Messina. Torna l’inciviltà sulle mura cinquecentesche di via Portalegni

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.