Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Seduta su accorpamento Authority, i 5 Stelle: “Troppo tardi”

 

Il porto di Gioia Tauro
Il porto di Gioia Tauro

I portavoce del Movimento 5 Stelle Francesco D’Uva e Valentina Zafarana non prenderanno parte alla seduta di oggi in Consiglio Comunale sull’accorpamento con l’Autorità Portuale di Gioia Tauro. Una scelta, quella stabilita dai rappresentanti ufficiali del Movimento 5 Stelle, motivata attraverso una lettera inviata stamane al sindaco Renato Accorinti e all’Aula.

“Dovevano pensarci prima – hanno sottolineato i deputati – poiché adesso è inutile. Che senso ha chiedere a Crocetta di intervenire ore, a cosa fatte, quando per un anno e mezzo si è rimasti in silenzio?”.

Francesco D’Uva, poi, incalza: “Quando insieme ai deputati del MoVimento 5 Stelle lavoravamo perché Messina avesse il giusto riconoscimento di guida dell’Autorità Portuale, loro dov’erano? Forse a gioire per la grande occasione di esser accorpati ad altri?”.

Di seguito la lettera inviata oggi.

Spettabile Consiglio Comunale,

Spettabile Sindaco, 

Riteniamo i consigli comunali aperti delle ottime occasioni per far dialogare i cittadini e le istituzioni su un determinato tema. Così è stato il 1° agosto scorso, quando abbiamo discusso sull’accorpamento delle Corti d’Appello in una, ahinoi, semideserta Aula di Consiglio.

Ciò premesso, ci preme ricordare che il MoVimento 5 Stelle ha fatto il possibile, in totale solitudine, per evitare che l’Autorità Portuale venisse strappata a Messina per essere destinata ad altra sede, scrivendo al Ministro delle Infrastrutture Delrio e presentando atti parlamentari sia a Roma che a Palermo.

Oggi, ad accordi presi e cose fatte, tutti si dicono contrari. Eppure basta fare una veloce ricerca su internet per trovare articoli dell’agosto del 2014 e leggere dichiarazioni di giubilo per l’accordo sulla nascita dell’Autorità Portuale di Gioia Tauro e dello Stretto. Il sindaco Accorinti, l’onorevole Garofalo, il Presidente dell’ARS Ardizzone e la Presidente del Consiglio Comunale Barrile, tutti contenti di stare con Gioia Tauro già un anno e mezzo fa. 

Se volevate davvero fare gli interessi di Messina e dei messinesi dovevate attivarvi molto prima e chiedere al Governo il rispetto che la nostra città merita, così come abbiamo fatto noi. Ci sembra, pertanto, un intervento colpevolmente tardivo e che dimostra tutte le falle di un percorso iniziato male e finito peggio, in danno alla città tutta.

Decidiamo deliberatamente di non partecipare al teatrino mediatico creato ad hoc in questi giorni utile, ad alcuni, solo a non perdere consenso elettorale. Saluti, 

Francesco D’Uva

Valentina Zafarana