Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera

Monumento Barcellona 5 Giuseppina Bolognani 5-8-2015 n Dopo anni di abbandono il monumento dedicato a Giuseppa Bolognani Calcagno, eroina risorgimentale nata a Barcellona nel 1841 e nota come Peppa ‘a cannunera, torna all’originario splendore.  

Grazie all’iniziativa della DSP Costruzioni Generali di Venerando Scavo e Andrea Caliri, che ha adottato il monumento per 5 anni, questa sera la città ha ricordato la sua illustre concittadina.

Presenti all’inaugurazione del monumento restaurato, il sindaco Roberto Materia con la Giunta, padre Giuseppe Turrisi e padre Tindaro Iannello, l’ex primo cittadino Candeloro Nania e molti barcellonesi.

A chi gli ha ricordato le spiagge abbandonate a se stesse, i problemi con la raccolta rifiuti e tutti gli altri disservizi della città del Longano, il sindaco Materia ha risposto su facebook dichiarando che: “Se si attende che in 40 giorni si ponga rimedio a una situazione (la pulizia delle spiagge, ndr) generatasi in parecchi anni, questo è un altro discorso”.

 

#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera
#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera
#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera
#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera
#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera
#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera
#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera
#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera
#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera
#Messina. Restaurato a Barcellona il monumento di Peppa ‘a cannunera

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.