Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Proroga fino al 31 dicembre per i precari della ex Provincia

Il commissario Filippo Romano mentre firma la proroga
Il commissario Filippo Romano mentre firma la proroga

Svolta positiva per i precari della ex Provincia di Messina. Oggi pomeriggio il commissario Filippo Romano ha firmato la delibera con la quale è stato prorogato fino al 31 dicembre prossimo il contratto dei 97 lavoratori a tempo determinato.

“E’ il risultato dell’importante mobilitazione della FP Cgil di Messina e di tutti i precari -commentano dal sindacato. Decisivo il sostegno del commissario Romano per chiudere temporaneamente una vertenza che avrebbe messo a rischio il futuro di 97 lavoratori e delle loro famiglie“.

“Esprimiamo soddisfazione per la proroga dei contratti agli stessi patti e condizioni -dichiarano il segretario generale della FP Cgil Clara Crocè e il responsabile degli Enti Locali Francesco Fucile. I lavoratori non

perderanno neanche un’ora contrattuale, Questa è la prima delle battaglie vinte nella complicata vertenza dei lavoratori delle ex Province”.

Il disegno di legge sulla riforma delle Province è in discussione all’ARS, che deve approvarlo entro il 31 luglio. Diversamente si comprometterebbe il futuro di tutti i lavoratori degli enti provinciali della Sicilia.

“È per questo che continua l’occupazione del Salone degli Specchi da parte dei dipendenti, con la FP Cgil al loro fianco -aggiungono Crocè e Fucile. E se si dovesse essere messa a rischio la continuità lavorativa e retributiva dei lavoratori, metteremo in atto qualsiasi iniziativa. Non consentiremo la riduzione di posti di lavoro o degli stipendi”.

Da Tiziana Ruggeri, iscritta della FP Cgil e leader dei precari della ex Provincia, il ringraziamento per “tutti quei colleghi di ruolo che ci sono stati accanto nella battaglia, prendendo le distanze da chi vedeva la soluzione in un contratto a 10 ore pur di continuare a lavorare. I precari e la FP Cgil hanno evitato un altro disastro sociale”.