Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Stasera la Notte bianca per S. Antonio

notteStasera, sabato 18 giugno, prende il via la 5ª edizione della “Notte Bianca per S. Antonio”, patrocinata dal Comune e promossa dal Rettore della Basilica di S. Antonio, padre Mario Magro. A partire dalle 20 sino alle 2, momenti di arte, sport, musica, spettacoli, cultura e degustazioni animeranno le vie Santa Cecilia, Cesare Battisti, Largo Avignone, piazza del Popolo, piazza Annibale Maria di Francia, e altre strade limitrofe tutte adiacenti la Basilica di Sant’Antonio.
In programma nella Basilica di S. Antonio, concerti di musica classica e moderna; alle ore 20, concerto per pianoforte e cantante, alle 21, concerto dell’Ars Nova; alle 22, concerto per pianoforte e organo dei giovani, Pierluigi Dell’Acqua, Martina Milone, Mirto Giulio, a cura del M. Scandurra del Conservatorio Corelli; alle 23, giovani solisti in concerto; 00.15, concerto per pianoforte e voce del maestro Edo Graziani e della cantante Paola Miraglia;
 Dalle 21,00 alle 1.30, Fiat Lux, immagini proiettate sulla Basilica di S. Antonio e dalle 21.30 alle 1, la visita ai musei del Quartiere Avignone e del Tesoro del Santuario. Piazza Annibale Maria  di Francia, alle 20.45, concerto “Accendi una luce di speranza e di solidarietà”, dei “Migrantes” della diocesi di  Messina; alle 21.15, concerto della piccola Greta Cacciolo, vincitrice dello Zecchino d’Oro 2015 di Rai Uno; alle 21.30, Concerto della Band “Feeling Good” di Swing and Blues Company; alle 23.30, Artisti di Strada Tinto Brass Band; alle 24, concerto di Vincenzo Belfiore da “Ti lascio una canzone” Rai Uno; alle 00.15, scuola di Danza Hip Hop School; alle 00.30, Elena cantante russo-napoletana; alle 00,45, Band giovanili in concerto: Meltin Pot, pop – rock band.
Alla Scalinata Largo Avignone di fronte Caserma Zuccarello, ci sarà alle 21.15, performance ai tessuti aerei di Marika Riggio; alle 21.30, artisti di strada “Emotion in a Bubble”; alle 22, sfilata di moda a cura di Anna Lo Presti; alle 23, spettacoli di musica e danza allestiti da BGM Solution e Star Music e la Scuola di Danza Hip Hop School; alle 24, artisti di strada “Emotion in a Bubble”, alle 00.15, performance ai tessuti aerei di Marika Riggio; alle 00.30 spettacoli di musica e danza a cura di BGM Solution e Star Music; dalle 20,30 alle 23, mostra e sfilata “Le Donne del Passato” di Agata Sandrone; dalle 20.30 alle 1, esposizione di vespe d’epoca a cura dell’Associazione Vespa Club Messina.
In via S. Cecilia (incrocio Cesare Battisti), alle 21.30, Fire Show, spettacolo del fuoco di Marco Ape; alle 22, Malleabile, spettacolo comico di arti di strada; alle 23, Tinto Brass Band e il trampoliere; alle 23.30 Malleabile, Spettacolo comico di arti di strada, e alle 24, Fire Show, spettacolo del Fuoco di Marco Ape.
In via S. Cecilia, dalle 21 alle 24, il raduno e concerto, di fronte la COIN, delle bande musicali, Giuseppe Verdi, Faro Superiore, S. Stefano Medio, e Amici della Musica di Larderia; dalle 21 alle 1, degustazioni di dolci a cura dei volontari della Mensa S. Antonio; dalle 20.30 alle 1 “Un panino per la Mensa” ed esibizioni di un prestigiatore a cura dell’Associazione di Volontariato S. Antonio e S. Annibale; dalle 21 alle 1, esposizione di artigianato vario.
In via Ghibellina (tratto vie Aurelio Saffi e S. Cecilia), dalle 20 alle 01, artigianato vario. In via Cesare Battisti, dalle 20 alle 24, sfilata della banda musicale “S. Cecilia” di Villafranca Tirrena del Maestro Emanuele, Celona e majorettes “Le sirene dei due mari” (dinanzi al Bar William Coffe); dalle 22 alle 23,00 “Accendi una luce di speranza e di solidarietà”, lancio di lanterne al cielo a Largo Zaera; dalle 22 alle 01,30, Festa A Ballu, a cura del “Corso di Ballo Tradizionali”, Sud Italia F. Taranta Messina; dalle 20 alle 23, la mostra permanente giovani artisti I.C. Manzoni Dina e Clarenza; dalle 22 alle 00.30, artisti di strada; dalle 21.30 alle 01.30, spazio giovani dinnanzi Casa dello Studente a cura dell’“Associazione Morgana” con Phenom Family” di Andy Pistone, Gruppo Live “Sweatshirt Over Vest” , “Le tap del tap” , Duo Acustico “Free Song”, il comico Nicola Ghione e il Gruppo Live “The Jester”; dalle 20.30 alle 01, esposizione di artigianato vario a cura di artigiani messinesi e della provincia; dalle 20.30 alle 01, gastronomia di strada con alimenti tipici siciliani, degustazione; e dalle 21 alle 01, happy hour, Moda, musica dal vivo, intrattenimento per bambini presso il Bar La Perla Nera.
In via Antonio Martino, alle 22, Tinto Brass Street Band e trampoliere e
dalle 22 alle 24, Tra le scatole, spettacolo di circo e arti di strada di Giulio Lanzafame.
In via Nino Bixio (tratto vie Ghibellina e Cesare Battisti), dalle 15 alle 24, esposizione di mosaici artistici, a cura dei mosaicisti dell’Associazione Paradisea di Camaro.
In piazza del Popolo, dalle 18 alle 21, sport in piazza, il villaggio dello sport; alle 20,45, spettacolo di danza dei ragazzi dell’Antoniano con A.S.D Lauretana della Parrocchia S. Nicolò di Gazzi; dalle 21.30 alle 01, spettacolo della solidarietà con musica, danza e folclore coordinato da Lillo Alessandro e la partecipazione delle scuole di ballo di Messina e provincia dell’Accademia D&D di Patrizia Alessandro, dei gruppi Folkloristici Mata e Grifone di Messina ed i “Canterini della Riviera ionica Melino Romolo di Roccalumera”, il cantante Filippo Tropea, Gisa, spettacoli di Gianni Saja e la performance pro Wrestling.
Nei portici di Piazza del Popolo, dalle 18 alle 01, “Arte Sotto i Portici” un’esposizione di pittori e scultori messinesi.
Nella chiesa e nel chiostro dello Spirito Santo, dalle 20 alle 01, percorso annibaliano con illustrazioni ed immagini nella Chiesa; dalle 20 alle 01, musica e arte nell’antico chiostro benedettino.
Nel Santuario Madonna del Carmine, dalle 20 alle 24, le aperture straordinarie del Santuario ed esposizione del registro di battesimo di S. Annibale Maria di Francia; e della Biblioteca “P. Egidio Lo Giudice”, una mostra sui 60 anni del  Santuario e visite al Campanile.
In via Aurelio Saffi (tratto vie Ghibellina e Cesare Battisti), dalle 19 alle 01, l’Associazione Culturale Scuola Napoletana dei Madonnari. Disegni su strada, e alle 21, Tinto Brass street Band e trampoliere.
Quest’anno sarà presente a Messina Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Georg Ganswein, Prefetto della Casa Pontificia Vaticana, che domenica 19, alle 11, nella Basilica di S. Antonio, celebrerà il Solenne Pontificale, e alle 19.30 presiederà la Processione del Santo con il Carro trionfale ed il Reliquario dorato di S. Antonio contenente le reliquie, dono della Basilica di Padova alla Basilica messinese, come segno della devozione al Santo.
Il corteo religioso, cui prenderanno parte le massime autorità cittadine, si snoderà lungo le vie Ghibellina, Santa Cecilia, Cesare Battisti, Tommaso Cannizzaro, piazza Cairoli, viale San Martino, e ritorno lungo la via Santa Cecilia, dove i bambini del Piccolo Coro Antoniano canteranno il tradizionale Inno a S. Antonio. Alle 21, a piazza Annibale Maria, seguirà lo spettacolo di fuochi pirotecnici, e alle 21.30 si esibiranno le bande musicali “Giuseppe Verdi” di Faro Superiore e di Santo Stefano Medio.
Messina, città ricca di storia e di secolari tradizioni religiose, ogni anno rinnova la sua grande devozione e il commosso omaggio ad uno dei Santi più amati al mondo, S. Antonio di Padova, il santo dei Miracoli. Migliaia di fedeli, circa 100.000, provenienti da tutta la provincia di Messina, da varie zone della Sicilia e dalla vicina Calabria, ogni anno raggiungono con ogni mezzo il centro cittadino per sfilare dinanzi alla miracolosa statua di S. Antonio, che da oltre un secolo è collocata nella Basilica di S. Antonio.
Questa festa religiosa si è andata affermando nel secolo XX ad opera di Sant’Annibale Maria di Francia, Santo messinese, fondatore della stessa Basilica Santuario e degli Orfanotrofi Antoniani della città e di tanti altri sparsi per l’Italia. Il suo Corpo incorrotto riposa, oggi, nella Cripta della stessa Basilica. Si deve a questo grande Santo messinese la diffusione del Pane di Sant’Antonio, avvenuta alla fine del 1800, pia istituzione diffusa oggi in ogni parte del mondo. Durante i festeggiamenti migliaia di panini benedetti, oltre 10.000 vengono distribuiti alle migliaia di devoti.
La statua di S. Antonio posta su un alto Carro di 7 metri percorre le vie della città nella sua maestosità, seguito da devoti e pellegrini, dei quali diversi scalzi spingono il Carro Trionfale piangendo e gridando la loro gioia per un così insigne maestro di vita e di fede. Il Santo rivestito degli ori votivi dei fedeli è situato sopra un grande mappamondo, abbellito da centinaia di fiori e attorniato da una quindicina di bambini vestiti da marinaretti e scortato dai paggetti antoniani, che indicano la grande predilezione di S. Antonio verso i piccoli e gli orfani. Alla processione del Carro Trionfale preceduto dalle Reliquie del Santo poste in un mezzo busto dorato, prendono parte centinaia di ammalati e disabili che chiedono la grazia della salute e della vita. Sovente si ha conferma che numerosi ammalati presenti ricevono grazie e miracoli, e ritornano alla Basilica durante tutto l’anno. La costruzione dell’attuale Carro Trionfale risale al 1946. mentre il primo Carro più modesto fu costruito nel 1931.