Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Nelle case manca l’acqua, ma si spreca sui marciapiedi

Sant'Agata perdita acqua (2)Sant'Agata perdita acqua (1)A Messina, ormai, lo sanno tutti, manca l’acqua in molte abitazioni. La conduttura si è rotta, la frana, le soluzioni tecnologiche, i disagi. E poi, e poi all’improvviso si scopre che l’acqua si spreca sui marciapiedi.
Lungo la via Consolare Pompea, a Sant’Agata, l’acqua sgorga dal marciapiede e si spreca così tra erbacce, auto parcheggiate e immondizie. A qualche centinaio di metri, a Ganzirri, l’acqua invece fatica ad arrivare nelle case.

Qualche mese fa, poco distante, dai tubi malconci partivano getti d’acqua che hanno annaffiato per diversi giorni l’asfalto sberciato. Insomma, se non fosse che la città ha i riflettori puntati per l’emergenza acqua, tutto resterebbe nell’ambito dell’ordinario. Sarebbe semplicemente uno dei tanti casi di incuria.
Ma oggi no, da dieci giorni c’è gente che esce di casa a raccogliere l’acqua con i bidoni come si fosse in guerra. Ci si aspetta che almeno in questi giorni, queste perdite siano riparate, subito.

Armando Montalto

Tra la metà dei Novanta e i primi Duemila ha cambiato città, paese e occupazione con la rapidità di un colibrì. Insomma, questo quarantenne messinese, dopo aver fatto consegne a Canal Street, parlato in nome della UE, letto Saramago, tirato sassi sul Canal Saint Martin e bevuto fiumi di birra ha deciso. Tornare a casa, mettere su famiglia e la testa a posto. Oggi si divide tra libri, mare e famiglia. Intanto, prova a scrivere e a raccontare Messina.