Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Nebrodi, sequestrati macelleria e caseificio clandestini

Formaggi, frodi alimentari Nebrodi, caseificio 18-2-2016Un casolare in muratura adibito a caseificio in pessime condizioni igieniche, secchi pieni di latte appena munto senza alcuna protezione, sporcizia a vista in contenitori non idonei, caglio per la produzione del formaggio in sacchetti e barattoli vari.

Accanto, nello stesso casolare, in un secondo ambiente, un’asse in metallo con ganci in acciaio per appendere la carne, con ogni probabilità adibito alla macellazione clandestina.

Questo è quanto hanno trovato ieri gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sant’Agata Militello durante i servizi specifici contro abigeato e macellazione clandestina, per la tutela della salute pubblica e sicurezza alimentare che da tempo impegnano la Polizia di Stato coadiuvata dal servizio veterinario locale e in collaborazione con il corpo di vigilanza del Parco dei Nebrodi.

Nessuna autorizzazione per la produzione di prodotti lattiero caseari né per transumanza o macellazione. L’allevatore che gestiva il caseificio di fortuna teneva inoltre nella struttura sei bovini privi di sistema identificativo e mai sottoposti a controlli sanitari, forse rubati.

I poliziotti hanno trovato poi 15 provette per prelievi ematici, generalmente in uso al servizio veterinario, 32 aghi da provetta, farmaci veterinari e antibiotici senza alcuna prescrizione medica, boli endo-ruminali e marche auricolari. Sequestrate decine di fascine da ricotta e formaggio in genere, oltre a utensili usati per l’attività casearia.

L’allevatore è stato denunciato per i reati di macellazione di animali, produzione e preparazione di carni in luoghi diversi dagli stabilimenti o locali riconosciuti, ricettazione, impiego per la preparazione di alimenti di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione e detenzione di sostanze alimentari pericolose per la salute.

Sono anche stati effettuati prelievi di latte per sottoporre i campioni ad analisi batteriologiche per la ricerca di brucellosi ed eventuali altri contaminanti batterici.